Preclusione del conto corrente se non paghi prima di metà dicembre

C’è un reale pericolo di pignoramento del conto corrente per chi non si adegua entro pochi giorni, attenzione.

A dicembre c’è il rischio concreto di pignoramento del conto corrente Foto dal web

Preclusione del conto corrente, un pericolo per diversi italiani che non potranno rispettare la data fissata. C’è stata anche una micro proroga per permettere a molti di avere un po’ più di tempo, ma dopo la scadenza il provvedimento diventerà operativo e quindi riguarderà chiunque abbia omesso di onorare un tributo particolare e ben preciso.

Queste sono le rate della rottamazione ter. Purtroppo l’attuale situazione economica è decisamente sfavorevole per molti, visto che nella primavera del 2020 l’economia ha iniziato a rallentare per poi rallentare sempre più a causa della pandemia.

La ripresa economica procede troppo lentamente e molti non riescono a superare le difficoltà che durano ormai da quasi due anni. Il pignoramento del conto corrente sarà purtroppo la conseguenza per chi non potrà far fronte ai pagamenti dovuti.

Il pignoramento del conto corrente, un possibile rischio

Foto dalla rete

Non ci saranno ulteriori proroghe o rinvii da prendere in considerazione. dovremo pagare e non ci saranno sconti, nonostante vari esponenti politici, anche di correnti diverse, abbiano lanciato un appello all’esecutivo perché si rivolga ancora una volta ai contribuenti.

Potrebbero interessarti anche: Bollette in aumento, come evitare il super morso

Dopotutto, questi tempi sono decisamente speciali e difficili per quasi tutti. C’è da dire, però, che il governo ha anche preventivato tutto una varietà di bonus che richiedono parametri precisi affinché i cittadini possano richiederli per richiederli.

Potrebbero interessarti anche: Rischio blackout, l’Italia trema: il politico avverte: “Natale al freddo”

Potrebbero interessarti anche: Premio divorzio, prevede 800 euro al mese: come ottenerlo

READ  Sono in corso 15 milioni di atti. E dopo il 30 aprile, sono fino a 35 milioni di file

Bonus che riguardano vari aspetti e che sono in grado di farci rimborsare le spese sostenute anche con cifre elevate. Poi, un’altra nota novità che avverrà dal prossimo anno, ormai imminente, riguarderà la riforma del

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *