Primo focolaio di peste suina in Polonia quest’anno

Primo focolaio di peste suina in Polonia quest’anno

Il primo focolaio di peste suina africana (PSA) in Polonia quest’anno è stato segnalato il 13 aprile. È una piccola azienda nella Polonia occidentale. Nella fattoria di Luban, nella provincia della Bassa Slesia, erano presenti cinque scrofe, dieci maiali da ingrasso e un cinghiale.

Non ci sono altri grandi allevamenti di suini nella zona. A fine marzo sono stati trovati nei pressi dell’azienda alcuni cinghiali infetti da peste suina africana. In totale, il contatore in Polonia quest’anno ammonta a 1.109 focolai nei suini infetti. Questa è già la metà del numero totale di infezioni dello scorso anno. Poi ci sono state 2.152 infezioni nei cinghiali. L’anno scorso sono stati registrati 13 focolai nei suini allevati in Polonia.

L’azienda polacca in questione si trova vicino alla Germania, a circa 15 chilometri in linea d’aria dalla Sassonia ea 20 chilometri dal Brandeburgo, nella regione della Sprea Neisse/Cottbus. È proprio in questa regione che il Brandeburgo è ancora alle prese con focolai di peste suina africana. Quest’anno sono stati trovati 207 verri infetti. Lì è stata infettata anche un’attività di bricolage.

Misure più severe in Sassonia

Nel resto delle aree centrali del Brandeburgo, quest’anno sono stati trovati solo 13 cinghiali infetti. Lo stato della Sassonia ha il maggior numero di focolai in Germania con 302 cinghiali infetti. Le misure sono rafforzate lì.

Nella maggior parte delle aree centrali del Brandeburgo, l’approccio alla peste suina africana funziona bene. Recentemente, quattro aree centrali sono state dichiarate indenni dalla peste suina africana perché da mesi non sono stati trovati cinghiali infetti morti o cacciati. Delle undici aree centrali originarie del Brandeburgo, ne rimangono quattro. L’anno scorso, tre aree centrali erano già state dichiarate libere.

READ  Il pilota russo Daniil Kviat correrà alla Lamborghini sotto bandiera italiana | Formula 1

La ricerca intensiva di cadaveri e la caccia nelle zone centrali della Germania funzionano quindi bene. Rimarranno le doppie recinzioni attorno alle aree centrali. La ricerca dei cadaveri e la caccia continuano nelle restanti quattro aree centrali.

Più contagi in Italia

In Italia, il numero di focolai nei cinghiali è in aumento. Quest’anno sono stati trovati 356 verri infetti. Si tratta di ben più dei 277 di tutto il 2022. I cinghiali infetti sono stati trovati tutti nel nord Italia, 131 in Liguria e 225 in Piemonte. Inoltre, un’attività turistica in Sardegna è stata infettata dalla variante AVP, presente lì da decenni. Questa è una variante diversa da quella che si trova nell’Italia continentale e in Europa.

La Slovacchia ha 267 verri infetti e l’Ungheria 209. Ci sono stati pochi focolai nei suini quest’anno. Oltre al business leisure in Germania e ad un leisure holder in Sardegna, si registrano 2 focolai in Ucraina, 15 in Moldavia e 29 in Serbia. Come al solito, la maggior parte dei contagi è in Romania. Ciò riguarda 53 società interessate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *