Procede bene la controffensiva ucraina nell’est del Paese |  ADESSO

Procede bene la controffensiva ucraina nell’est del Paese | ADESSO

La controffensiva ucraina ha compiuto notevoli progressi. Non solo nel sud del paese intorno alla città di Kherson, ma ora anche sulla linea del fronte orientale nella regione di Kharkiv. Le forze ucraine sembrano avanzare rapidamente lì e riconquistare il territorio strategico.

Dal 1° settembre, l’Ucraina ha ripreso ai russi un totale di 1.000 chilometri quadrati e dozzine di villaggi. Lo ha annunciato giovedì sera il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo videomessaggio quotidiano.

A fine agosto, l’Ucraina ha lanciato una controffensiva nel sud del Paese. Uno dei suoi obiettivi è liberare la città portuale di Kherson.

Secondo il comando dell’esercito ucraino, le truppe si stanno avvicinando a Kherson. Nel frattempo, prendono di mira le linee di comunicazione russe, i posti di comando e i depositi di munizioni nell’area.

Prima linea nell’Ucraina orientale il 9 settembre.


Prima linea nell'Ucraina orientale il 9 settembre.

Prima linea nell’Ucraina orientale il 9 settembre.

La linea del fronte orientale sotto pressione

Le cose si stanno muovendo molto rapidamente anche nella regione di Kharkiv, nell’est del Paese. Le truppe ucraine hanno già catturato più di 20 villaggi lì.

La linea del fronte orientale si estende tra le città di Kharkiv e Izyum. Secondo l’American Institute for the Study of War (ISW), l’esercito ucraino sta creando sempre più aperture in prima linea. Questo indebolisce notevolmente le posizioni russe.

Oltre al suo videomessaggio quotidiano, giovedì sera Zelensky ha pubblicato anche un video in cui i soldati ucraini affermano di aver preso il controllo della città orientale di Balakliia, vicino a Kharkiv. Altre immagini mostrano che i russi hanno lasciato veicoli e armi in questa zona; un segno che stanno scappando lì.

READ  I Paesi Bassi offrono cacciatori di mine per l'esportazione di grano attraverso il Mar Nero | Interno

Il funzionario russo Vitaly Ganchev ha detto alla televisione di stato russa che Balakliia era ancora nelle mani dei russi. Secondo lui, le truppe russe avevano respinto un attacco ucraino. Agenzia di stampa Reuters non ha potuto verificarlo in modo indipendente.

Le truppe ucraine avanzano verso Kupyansk e Izyum

Su Twitter sta circolando anche un video che mostra le truppe ucraine nella città di Yasynuvata che rimuovono una bandiera russa da una torre radio e la sostituiscono con una bandiera ucraina. Yasynuvata si trova a 40 chilometri a est di Balakliia. Ciò significherebbe che le truppe ucraine si stanno avvicinando sempre più alla città meridionale di Izyum, spostando così rapidamente la prima linea.

Prima di raggiungere Izyum, le truppe ucraine probabilmente prenderanno di mira Kupiansk. Secondo l’ISW, sono solo 20 chilometri di distanza. Giovedì l’istituto americano aveva previsto che questa città sarebbe stata riconquistata ai russi entro 72 ore.

Kupyansk è strategicamente situata sulla linea del fronte orientale, tra le città di Kharkiv e Izyum. Se gli ucraini prenderanno Kupyansk, sarà molto difficile per i russi mantenere il collegamento con Izyum.

I russi inviano truppe aggiuntive

Le conquiste territoriali dell’Ucraina sarebbero un duro colpo per la Russia. In primo luogo perché, secondo i servizi di intelligence occidentali, i russi stanno subendo enormi perdite. Ma anche perché sarà una grande spinta per il morale degli ucraini. Kiev può così dimostrare di essere abbastanza in grado di recuperare terreno e quindi merita (più) il sostegno dell’Occidente.

READ  Il vertice sul clima in Egitto fa desistere le persone per la vergogna del volo | clima

“Stiamo assistendo a progressi a Kherson ora, a Kharkiv, e questo è molto incoraggiante”, ha dichiarato venerdì il segretario alla Difesa Lloyd Austin. Il giorno prima, il segretario di Stato americano Antony Blinken era in visita a Kiev. “Penso che la ragione di questo successo sia che è la tua patria, non la Russia. È così semplice”, ha detto Blinken a Zelensky.

Blinken ha anche annunciato un ulteriore piano di supporto di 2,2 miliardi di dollari (2,19 miliardi di euro). Circa 1 miliardo di dollari va all’Ucraina. Il resto andrà ad altri 18 paesi minacciati dall’aggressione russa. Gli Stati Uniti stanno inoltre rilasciando ulteriori 675 milioni di dollari per inviare armi aggiuntive in Ucraina.

Nel frattempo, i russi sembrano sudare. Venerdì, il ministro della Difesa russo ha rilasciato un video di truppe aggiuntive in viaggio verso la regione di Kharkiv. In precedenza, le truppe erano state ritirate lì per aiutare a difendere l’Ucraina meridionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *