Proteggi tuo figlio dai social network?  Manie di grandezza, ecco tutto’ |  Cronache e recensioni

Proteggi tuo figlio dai social network? Manie di grandezza, ecco tutto’ | Cronache e recensioni

Le storie più strane

“Eccezionalmente, possiamo vedere il volto del più che carino Brooklyn, il figlio di Kim Feenstra. Il maschio è con sua madre nel baby special di ‘&C’s Oh Baby!, ovviamente anche con un’intervista, in cui Kim dice: ‘Si sentono le storie più strane su pedofili e rapitori di bambini, solo grazie ai social, lo sanno esattamente dov’è il bambino chi è lo hanno.

pedofilo

Lo colpirò allora. Non ho mai sentito queste storie eppure sono abbastanza consapevole delle novità. Una piccola ricerca online mi porta a una storia del 2020. Un bambino russo di 7 anni è stato rapito da un pedofilo. Poi nel 2019 un’altra ragazza di 12 anni in Serbia. E mi imbatto in una storia del 2021 su un molestatore di bambini che ha portato due bambini di 4 e 6 anni in Belgio, ma è il vicino; Immagino stesse prendendo di mira bambini senza social media.

non veritiero

Quindi senti le storie più strane, ma non mi sembrano ancora del tutto vere. I bambini non vengono prelevati dalla strada dal gruppo, poiché un molestatore di bambini è riuscito a rintracciarli con l’aiuto di Instagram. E certamente, nel 2018, in Olanda sono stati rapiti 221 bambini. Ma nel 74% dei casi l’aggressore era la madre. Non possiamo quindi trarre conclusioni scioccanti.

Molto più realistico

Una volta ero una tale madre che metteva in guardia suo figlio sugli uomini inquietanti che ingannano i bambini con caramelle o cuccioli e poi li fanno morire di fame nelle cantine sotterranee. Fino a quando qualcuno mi ha detto di comportarmi normalmente: ‘Quante volte senti che sta succedendo? Indica invece a tuo figlio i pericoli di attraversare la strada senza guardare. O camminare sul ghiaccio dopo che è stato congelato per un giorno: pericoli molto più realistici.

READ  Rudie e Janine de Boer cercano una donna che è diventata genitori di un figlio

Irritata

Onestamente? Penso che sia un po’ di manie di grandezza, questa cosa in preda al panico con le facce di questi bambini. Caso interessante. “Guardami proteggere mio figlio da ogni male.” Ma da dove viene questo male? Di qualcuno per strada che pensa: “Ehi, c’è il bambino di una celebrità?” Probabilmente lo vedranno comunque, perché immagino che quella celebrità stia spingendo la carrozzina.

piena gloria

Dreetje, di proprietà di Monique e André, è anche “adorato dai social media” di tanto in tanto. Riproduci tutta una serie di foto in cui il viso è mascherato da uno smiley, occhiali da sole o un cuore. E poi una settimana dopo tutte le buone intenzioni vengono dimenticate e vediamo il piccoletto in tutta la sua gloria. È quasi impossibile attirare molta più attenzione su qualcosa.

Partecipa alle decisioni

Capisco perfettamente se non mostri tuo figlio sui social perché non può ancora partecipare al processo decisionale. Allo stesso tempo: decidi anche tu tutto per il resto della vita di tuo figlio. Oppure lascia che il tuo bambino ti aiuti a decidere la tua mossa imminente, o chiedi al tuo bambino ogni mattina quale vestito vorrebbe indossare all’asilo (supponendo che tuo figlio abbia accettato quella forma di custodia, ovviamente).

Curioso

Ognuno ha la propria scelta e con tutto il rispetto: fai ciò a cui non puoi resistere online. Ma non trasformarla in una storia elettrizzante con rapimenti immaginari da parte di pedofili, perché non ha senso. Il vero motivo per nascondere tuo figlio nella maggior parte dei casi è niente di più o meno che incuriosire le persone. E funziona, perché ora che possiamo finalmente vedere Brooklyn, lo stiamo davvero guardando tutti.

READ  Gabriel Garko al Grande Fratello Vip, molto teso in studio. Poi la "vaffa" a Signorini - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *