“Può portare qualcosa in più a molti club”

“Può portare qualcosa in più a molti club”


Sabato 24 dicembre 2022 alle 22:15
Wessel Antes• Ultimo aggiornamento: 22:31

Dopo quasi cento partite di Eredivisie per il Willem II, Ché Nunnely sperava in un sequel la scorsa estate. L’ala 23enne è stata trasferita dal 1° luglio e con il suo profilo sembra un’opzione interessante per molti club. All’inizio di maggio, tuttavia, è avvenuto il disastro: Nunnely si è strappata il legamento crociato anteriore e attualmente sta ancora lavorando sodo per la sua guarigione. Campo da calcio ha parlato con il prodotto giovanile dell’Ajax dell’impatto del suo grave infortunio. Durante la lunga conversazione sono stati discussi anche i piani futuri di Nunnely e la sua fede in Dio.

Di Wessel Antes

Il Willem II era ancora in lotta per la retrocessione quando il club ha dovuto riportare un grave infortunio: titoli ‘Fine stagione per Ché Nunnely’ Tricolori sul sito del circolo. Successivamente si è scoperto che l’infortunio al legamento crociato avrebbe persino posto fine all’anno solare per Nunnely. E questo proprio in uno dei momenti più importanti della sua carriera: l’esterno destro sperava di fare il passo ideale dopo tre stagioni al Willem II, ma potrebbe invece prepararsi a un lungo e difficile percorso di recupero.

Nunnely ricorda ancora vividamente il momento in questione, durante la formazione del Guglielmo II. “Durante una piccola partita, ho ricevuto una palla alta, dopodiché l’ho calciata a qualcuno, poi l’ho riempita in aria. Il mio diretto avversario voleva bloccare la palla, ma io “ho sbattuto il ginocchio contro la sua gamba. Il doloroso incidente è stato catturato da una telecamera del club di Tilburg. “Quando lo vedi, sembra molto innocente, come se stessi solo prendendo a calci una gamba. All’inizio non volevo vedere di nuovo il video, ma ora posso guardarlo, precisamente perché è così innocente.

Per un momento, Nunnely sentì un dolore estremo, ma si placò dopo pochi secondi. “Ho subito sentito che il mio ginocchio era instabile. Dopodiché, sono entrato da solo e ho parlato molto con le persone, come faccio sempre dopo gli allenamenti. Quando mi sono svegliato il giorno dopo, il mio ginocchio era molto gonfio”, ha detto la gamba destra, che ha ricevuto la cattiva notizia dopo una risonanza magnetica. “Il mio legamento crociato era strappato e anche un legamento laterale nel fianco. Un infortunio con un tempo di recupero di circa nove-dodici mesi, anche se fino ad allora ero ancora in buona forma.

READ  Van Gaal riceve un regalo sorprendente da De Kuip dopo il verdetto di "vecchia spazzatura".

Nunnely, con le stampelle, in campo dopo la vittoria per 2-0 del Willem II contro l’Heracles la scorsa stagione.

Il 13 maggio, Nunnely ha subito un intervento chirurgico immediato. Più di sette mesi dopo, i suoi medici e il fisioterapista lo hanno già dichiarato in forma. “In linea di principio posso fare di nuovo tutto e ora sono anche impegnato in campo. Certo, devo ancora essere in forma e mettere i puntini sulle i e incrociare le t, ma sono sulla strada giusta. Mi alleno molto spesso presso il mio fisioterapista “Veel Beter” ad Almere, mi alleno personalmente e partecipo agli allenamenti di gruppo di Nordin Wooter più volte alla settimana, quindi so anche cosa vuol dire giocare a duelli. non ha paura di battere forte.

Nunnely non ha avuto problemi a lavorare sulla sua guarigione come calciatore non di club. “È più pesante? È solo come ti prendi cura delle tue strutture, immagino. Il mio fisioterapista era lì per me in ogni momento. Ho anche implementato un rigoroso programma di formazione a cui ho aderito in modo disciplinato. L’esterno fulmineo riceve molte domande sulla sua situazione a parametro zero. “Tutti vogliono sapere qual è il mio prossimo passo, ma per me è comunque importante concentrarmi sulla mia guarigione. Questo è quello che mi sta dicendo anche il mio management. Ho gestito bene la situazione”.

L’attaccante ha regolarmente lottato mentalmente negli ultimi sei mesi. “Ero molto emozionato, più che mai. Normalmente sono un ragazzo felice che sorride sempre e fa battute, ma all’inizio ho visto tutto passarmi accanto. C’era molta incertezza “, spiega Nunnely, che ha beneficiato molto di la sua famiglia: “Ho visto quanto sono importanti le persone intorno a me e gli sono molto grato. Grazie a loro negli ultimi mesi ho potuto fare dei passi mentali, mi sento più forte che mai”.

READ  Scudetto dell'Inter, dal castello a piazza Duomo: migliaia di persone si sono radunate a Milano. "Facciamo festa anche senza andare allo stadio"

Oltre alla sua famiglia, la religione ha aiutato Nunnely in questo momento difficile. L’ex nazionale giovanile Orange parla molto con sua nonna della fede in Dio. “Trovo sempre queste conversazioni fantastiche, molto istruttive. Ho anche avuto contatti occasionali con Cody (Gakpo, ndr) sulla religione. Tali conversazioni sono molto preziose, mi aiutano a trovare la pace. Sebbene Nunnely abbia trovato emotivamente difficile guardare le partite all’inizio della sua riabilitazione, l’attaccante si è divertito a guardare il suo pari Gakpo ai Mondiali in Qatar.

Nunnely in un duello con il suo amico Gakpo, che conosce dalle squadre giovanili dell’Orange.

“Alla fine della giornata, ovviamente, sono ancora un tifoso di calcio, Cody ha fatto un ottimo lavoro”, dice Nunnely. “Ho visto anche tante partite di Noa (Lang, ndr) e seguo da vicino il Willem II, ma anche l’Eredivisie. Quando non devi giocare da solo, c’è un sacco di tempo a disposizione. Un soggiorno più lungo a Tilburg non era comunque un’opzione. “Quando mi sono infortunato, il club sapeva già che stavo facendo il passo successivo. Un altro anno non sarebbe stato vantaggioso per il Willem II, dal momento che me ne andrei comunque senza trasferimento dopo il mio recupero. Ci siamo detti la verità e ci siamo lasciati in buona consultazione.

Nunnely ripensa con grande piacere al suo soggiorno a Tilburg. “Ho attraversato molte situazioni diverse al Willem II e sono cresciuto davvero come giocatore. Posso dire di essere cresciuto da ragazzino a uomo. Il momento clou? La vittoria contro l’Ajax in ArenA e i miei due gol contro il PSV. Quelli sono momenti che non dimenticherò mai”. Il lampo dell’ala spera ancora in una tacca più in alto. “Penso che potrei tranquillamente competere nell’under-top del Pays-Bas posso portare qualcosa in più a molti club, anche se un’avventura all’estero è di corso anche un’opzione.

READ  Roland Garros: Roger Federer supera l'esame Cilic. Novak Djokovic avanza facilmente (Federer litiga con l'arbitro - Video)

Nunnely nel duello con Lisandro Martínez durante la partita casalinga contro l’Ajax della scorsa stagione (sconfitta 0-1).

Per un esterno della sua età, Nunnely ha delle buone statistiche al suo attivo: al Willem II ha segnato diciannove gol e undici assist in 95 partite ufficiali. Ha giocato 42 partite per Jong Ajax, in cui ha segnato dieci gol e ha agito come dichiarante sei volte. Nella stagione 2017/18 è diventato campione olandese di seconda divisione con la squadra U23. “Penso che le persone in Olanda ora sappiano cosa posso fare, anche se ovviamente è ancora un rischio che un giocatore torni da un infortunio. Non sai mai come andrà, ma posso già dire che ho ancora il mio velocità”, ride Nunnely.

Alla domanda sul suo più grande obiettivo per il 2023, Nunnely è subito chiaro. “Voglio essere di nuovo un calciatore! Non vedo l’ora di segnare gol e fornire assist. Spero di unirmi presto a un club e sono più eccitato che mai. Voglio dimostrare che questo momento difficile mi ha solo reso più forte.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *