Quasi novanta arresti durante i disordini ad Anversa dopo una partita dei Mondiali Marocco |  All’estero

Quasi novanta arresti durante i disordini ad Anversa dopo una partita dei Mondiali Marocco | All’estero

La polizia di Anversa ha arrestato sabato 87 persone durante i disordini dopo la partita della Coppa del Mondo in Marocco. Il paese nordafricano ha raggiunto le semifinali del torneo in Qatar con una vittoria per 1-0 sul Portogallo, dopodiché molte persone sono scese in piazza.

Un gruppo di giovani mascherati ha sfondato le finestre di una stazione di polizia, arrestando una decina di rivoltosi. Fuochi d’artificio sono stati lanciati anche su autobus e tram. Circa 70 persone sono state arrestate.

La polizia ha anche emesso dozzine di multe ai festaioli che guidavano pericolosamente. Due veicoli sono stati sequestrati fino a dopo la Coppa del Mondo. Una era un’auto olandese con luci blu e adesivi che facevano riferimento al servizio di sicurezza dello stato marocchino.

In precedenza è diventato chiaro che a Bruxelles la polizia ha usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua mentre i rivoltosi compivano distruzioni e lanciavano pietre e fuochi d’artificio. Sessanta persone sono state arrestate nella capitale belga.

Tuttavia, la polizia sottolinea che la maggior parte delle persone per strada ha organizzato una festa sabato sera.

Sabato è stato turbolento anche in molte città olandesi dopo la vittoria del Marocco. Il ME è entrato in azione a Utrecht, Rotterdam e L’Aia. Sono stati effettuati 35 arresti per, tra l’altro, insulti alla polizia, comportamento chiassoso e accensione di fuochi d’artificio.

Un ordine di emergenza è stato emesso ad Amsterdam e all’Aia. A Utrecht, la polizia è stata colpita da sassi, lattine e pesanti fuochi d’artificio. Dodici agenti di polizia sono stati colpiti, di cui quattro leggermente feriti.

La maggior parte degli arrestati è stata rilasciata, ma almeno quattro persone sono ancora detenute.

READ  Biden accelera le spedizioni di armi in Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *