Reinharts (16) mal di testa era dovuto a un tumore, quattro mesi dopo gareggia in un triathlon |  In buona salute

Reinharts (16) mal di testa era dovuto a un tumore, quattro mesi dopo gareggia in un triathlon | In buona salute

Sentirsi dire a 16 anni che hai un enorme tumore alla testa e che ti sottoporrai ad un intervento chirurgico lo stesso giorno: è successo a Reinhart van Dam. Ora, tre mesi dopo, l’adolescente si è quasi completamente ripreso e a giugno sta anche gareggiando di nuovo in un triathlon. Non solo perché può farlo di nuovo, ma anche per raccogliere fondi per il Centro di oncologia pediatrica Princess Máxima. “Sono così grato che mi abbiano salvato”, ha scritto l’adolescente sulla pagina LinkedIn di suo padre Rogier van Dam.


Preventivo

Ma quando il dottore ha chiamato il giorno dopo e ha chiesto se potevamo venire direttamente in ospedale per i risultati, abbiamo capito: è sbagliato.

Reinhart van Dam

Nell’estate del 2021, Reinhart, 16 anni, soffre sempre più di mal di testa. La sensazione palpitante e di bruciore dura per mesi. Lui, i suoi genitori e il suo medico devono affrontare un forte mal di testa. “Non avevamo idea da dove venisse”, dice padre Rogier. “Il medico di famiglia inizialmente sospettava un mal di testa da tensione, ma quella diagnosi è diventata più improbabile quando il dolore di Reinhart è peggiorato. Ha anche iniziato a soffrire di una vista limitata.

Il medico decide di mandare Reinhart in ospedale per una risonanza magnetica, è febbraio. ,,Due giorni dopo, abbiamo ottenuto i risultati”, continua Rogier. ,,Ma quando il dottore ha chiamato il giorno successivo e ha chiesto se potevamo venire direttamente in ospedale per i risultati, abbiamo capito che era sbagliato. In macchina ci siamo già detti: preparati al peggio.

READ  Documentario Meghan & Harry in uscita domani: cosa possiamo aspettarci?

Tumore enorme

I suoi genitori hanno ragione: si scopre che l’adolescente ha un enorme tumore alla testa da mesi. E deve essere rimosso al più presto. Reinhart può già recarsi al Máxima Hospital di Utrecht questo pomeriggio. ,,Siamo arrivati ​​direttamente da Nijmegen. Al mattino ho portato Reinhart fuori dalla scuola senza sospettare, e nel pomeriggio era già sul tavolo operatorio.

Reinhart van Dam al Maxima Hospital.

Reinhart van Dam al Maxima Hospital. © Foto privata


Preventivo

Per la prima volta dopo mesi, mi sono svegliato senza un mal di testa lancinante. È stato un grande sollievo

Reinhart van Dam

“Sono rimasto molto scioccato”, dice Reinhart. ,,Non mi aspettavo di avere un tumore, e di certo di non essere operato lo stesso giorno. Prima che potessi rendermi conto di cosa stava succedendo, la prima operazione era finita. Durante questa prima procedura, i medici hanno eseguito un drenaggio su Reinhart, che ha permesso al fluido di defluire dal suo cervello. “Per la prima volta dopo mesi, mi sono svegliato senza un mal di testa atroce. È stato un enorme sollievo.

Due giorni dopo, i medici riescono a rimuovere completamente il tumore di Reinhart in una volta sola. Non è necessaria alcuna post-elaborazione. Tuttavia, l’adolescente dovrebbe continuare a recarsi regolarmente per i controlli. “Dopo la seconda operazione, sono rimasto in ospedale per un’altra settimana”, dice Reinhart. “Dopodiché, mi è stato permesso di tornare a casa. È successo così in fretta.” Suo padre aggiunge: ,,È stata una settimana di alti e bassi confusi. I giorni in ospedale sono stati molto tristi, ma allo stesso tempo ci siamo subito resi conto di quanto fossimo fortunati.

Dal tumore al triathlon

Le settimane successive sono dedicate alla riabilitazione di Reinhart. Ma succede anche molto rapidamente. “Sono tornato a scuola un giorno alla settimana abbastanza velocemente e dopo poche settimane sono stato in grado di fare di nuovo quasi tutto”. Suo padre condivide un aneddoto che mostra quanto sia veloce la guarigione di suo figlio. “Il fisioterapista ha consigliato a Reinhart di esercitarsi a camminare con una sedia a rotelle in modo da potersi sedere quando era stanco. Ma la sedia a rotelle che abbiamo sistemato è stata sempre lasciata in macchina. Reinhart ha subito detto: ce la posso fare.

La corsa sta lentamente ma inesorabilmente tornando a essere uno sport, e quando Rogier dice a casa che lui e la sua ragazza Patricia vogliono partecipare a un triathlon ad Amsterdam, anche suo figlio è molto entusiasta. ,,Quando ha detto che voleva, onestamente ho pensato: Reinhart, come?! Ma il suo medico di riabilitazione lo ha approvato, quindi chi sono io per dire che non può? Allo stesso tempo, è ovviamente un buon segno che sia così desideroso di trasferirsi di nuovo”.

Reinhart van Dam si allena per il triathlon con suo padre.

Reinhart van Dam si allena per il triathlon con suo padre. © Foto privata

Soddisfacente

Ma il desiderio di Reinhart non si ferma alla partecipazione al triathlon: vuole anche l’adolescente collezionista di denaro per il Centro Princess Maxima. “Voglio ringraziare lo staff. Allora sono venuto a chiedermi: cosa posso restituire? Bene, questa è la risposta. Così padre e figlio hanno creato una pagina per le donazioni. Per raccogliere fondi, Rogier ha deciso di utilizzare la sua rete su LinkedIn. “Ho detto a Reinhart: scrivi il tuo racconto e lo condividerò, non sperando di raggiungere oltre 150.000 persone”.

Reinhart ha ormai più che raggiunto il suo modesto traguardo di 500 euro; i 7000 euro sono già stati utilizzati. “Riceviamo così tante donazioni, anche da persone che non conosciamo affatto”, afferma Rogier. “Ci sono anche genitori che hanno perso il figlio a causa di un tumore. Trovo così impressionante come padre e come persona che queste persone ci supportino. E ovviamente non solo noi, ma anche il Centro Princess Máxima, perché Reinhart lo fa per loro.

Domenica 19 giugno Reinhart affronterà la sfida con suo padre e la sua ragazza. Durante il triathlon, Reinhart promette di ascoltare attentamente i suoi sentimenti e il suo corpo. “Ma mi sento di nuovo molto forte. Sto ancora facendo progressi nello sport e nella scuola, ma posso sicuramente dire che sta andando bene. Sono felice di poter fare qualcosa in questo modo per i medici che mi hanno salvato la vita. Non ci sarei stato allo stesso prezzo.


Preventivo

Sono felice di poter fare qualcosa in questo modo per i medici che mi hanno salvato la vita. Non ci sarei stato allo stesso prezzo

Reinhart van Dam



Questo articolo è stato realizzato in collaborazione con I migliori social



Guarda i nostri video sulla salute qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *