Alzheimer e demenza: qual è la differenza?

Alzheimer e demenza: qual è la differenza?

Probabilmente a volte li confondi: demenza e Alzheimer. Tuttavia, c’è davvero una differenza tra i 2. Spieghiamo di cosa si tratta.

Demenza

Demenza: ce l’hanno più di 290.000 persone nei Paesi Bassi. Tuttavia, le persone spesso confondono la demenza con l’Alzheimer. Alzheimer Nederland spiega che il morbo di Alzheimer è una forma di demenza. La demenza ha molte forme, oltre al morbo di Alzheimer, ci sono più di 50 malattie che rientrano in questo termine. Tutte le forme di demenza colpiscono il cervello e deteriorano la salute mentale di una persona. Nella demenza, le cellule nervose, o le connessioni tra quelle cellule, si rompono nel cervello. Poiché queste cellule diminuiscono, il cervello si deteriora. Rende una persona molto debole sia mentalmente che fisicamente nel tempo. La prima cosa che spesso emerge dalla demenza è la perdita di memoria.

4 malattie più comuni

Di tutte le malattie che rientrano nella categoria della demenza, 4 sono le più comuni. Questi sono il morbo di Alzheimer, la demenza vascolare, la demenza frontotemporale (FTD) e la demenza a corpi di Lewy. Tutti e 4 assicurano che il cervello sia colpito, solo la causa è diversa per ogni malattia e anche il decorso è diverso.

demenza

Leggi anche: Il numero di persone affette da demenza raddoppierà nei prossimi 20 anni, scopri i consigli per riconoscerla e aiuta i migliori

Il morbo di Alzheimer

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza. Circa il 70% dei pazienti ne soffre. La malattia spesso inizia nella parte del cervello responsabile della memoria. Poi si diffonde ulteriormente. Quando più di una parte è interessata, aumenta anche il numero dei sintomi. Le persone poi diventano ancora più smemorate e trovano difficile controllare le proprie emozioni, la parola e il linguaggio.

READ  Cosa fa lo stress al tuo cervello? † Storie dietro le notizie

Amnesia

Non è ancora del tutto chiaro quali siano le cause del morbo di Alzheimer. Gli scienziati pensano che abbia a che fare con una serie di cambiamenti nel cervello. Ad esempio, è un brutto segno se la proteina amiloide si accumula nel cervello tra le cellule nervose. Ciò può accadere quando la barriera ematoencefalica, una rete di cellule speciali che si forma attorno ai vasi sanguigni del cervello, non consente alla proteina amiloide di passare dal cervello al sangue. Se fallisce, nel cervello si forma una specie di placca, che rende più difficile la comunicazione tra le cellule cerebrali. Questi accumuli spesso si verificano prima nella parte del cervello responsabile dei ricordi. Pertanto, un primo sintomo della malattia di Alzheimer è solitamente la perdita di memoria.

Ritorno più veloce

Per garantire che la proteina amiloide non si accumuli, il cervello contiene cellule gliali. Questi scompongono la proteina amiloide. Tuttavia, gli scienziati vedono anche un aspetto negativo. Notano che il processo patologico può essere accelerato quando queste cellule esagerano e sono troppo aggressive.

le cellule muoiono

La proteina amiloide svolge quindi un ruolo importante nella malattia di Alzheimer, ma non è l’unica proteina a farlo. Nelle persone con malattia di Alzheimer, si forma un groviglio di proteine ​​diverse. Questo si chiama grovigli. All’interno di questi grovigli c’è un’altra proteina chiamata tau. La tau è dannosa e assume forme anormali nel morbo di Alzheimer. Questo blocca l’apporto di sostanze nutritive alle cellule cerebrali, facendole morire. Di conseguenza, il numero di sintomi aumenta.

pensare con demenza

Leggi anche: Pensare insieme in una vita con demenza

READ  C'è meno acqua in gran parte del pianeta

Trattamenti per la demenza

Nonostante il fatto che così tante persone soffrano di demenza e siano state fatte così tante ricerche, non esiste ancora una cura. Secondo il sito web Thuisarts.nl, un’iniziativa del Dutch College of General Practitioners (NHG), i farmaci non rallentano il processo della malattia né mantengono la memoria più a lungo. Tuttavia, ci sono trattamenti offerti, come l’allenamento della memoria e la terapia occupazionale. Tuttavia, non è stato dimostrato che riduca la demenza.

Fonte: Alzheimer Nederland, Thuisarts.nl / Foto: Shutterstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *