Rischi dell’utilizzo di un dispositivo per l’apnea notturna secondo Philips “molto piccolo” |  Economia

Rischi dell’utilizzo di un dispositivo per l’apnea notturna secondo Philips “molto piccolo” | Economia

Per gli utenti dei dispositivi Philips per l’apnea notturna, il rischio di problemi di salute è molto basso, afferma la società di tecnologia medica. I test della prima generazione dei cosiddetti dispositivi DreamStation confermano i primi risultati della scorsa estate, secondo la società. Due terzi di tutti i dispositivi richiamati sono di questo tipo.

In totale, Philips deve sostituire 5,5 milioni di dispositivi. L’azienda ha ora prodotto il 90% di questi dispositivi sostitutivi. Sono in viaggio verso i pazienti o gli operatori sanitari che a loro volta li consegneranno ai pazienti. Philips ha così raggiunto l’obiettivo che si era prefissata per quest’anno.

I problemi con le macchine per l’apnea notturna riguardano la schiuma isolante nelle macchine. Questo potrebbe sbriciolarsi o rilasciare sostanze chimiche dopo il contatto con determinati prodotti per la pulizia. In entrambi i casi, i rischi rimangono entro limiti di sicurezza, secondo Philips.

Secondo l’azienda, anche il rischio di danni alla schiuma isolante è molto basso. Philips ha precedentemente affermato che negli Stati Uniti esiste una probabilità dello 0,5% se i dispositivi non sono stati puliti con l’ozono. In Europa la probabilità è dello 0,04%: in altre parole, il problema si verifica su 1 dispositivo su 2500. Nessuna schiuma interessata è stata riscontrata nei dispositivi giapponesi.

READ  Nonostante le proteste del settore, il deposito delle lattine entrerà in vigore il 31 dicembre | Economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *