Sant’Antonio, un’epidemia in geriatria: “Verifica l’origine dei contagi”

Padova, pazienti positivi anche in un altro reparto. La direzione vuole sapere se gli operatori non vaccinati hanno portato il virus

PADOVA. Sei anziani ricoverati nel reparto geriatrico dell’ospedale Sant’Antonio risultano positivi al Covid 19. Infezioni che si sarebbero verificate in ospedale: si sta ora cercando di capire se in origine potrebbero esserci operatori che hanno rifiutato il vaccino.

E quella all’ottavo piano della struttura di via Facciolati non sarebbe nemmeno l’unica epidemia nell’ospedale universitario. Lo stesso direttore generale Giuseppe Dal Ben conferma: c’è un secondo caso di contagi al servizio su cui stiamo cercando di fare luce.

Nel frattempo, il direttore generale si appresta ad applicare le nuove regole introdotte dal decreto sull’obbligo di vaccinare gli operatori sanitari, pronto anche a sospendere chi rifiuta senza giustificazione la sua dose.

Sei pazienti geriatrici sono infetti e nessuno di loro era positivo al momento del loro ricovero in ospedale. Chiunque ricoverato viene infatti sottoposto ad un prelievo e in caso di positività trasferito direttamente ad un servizio Covid. Le ipotesi sull’origine dei contagi sono due: o provengano dall’esterno, portate da un familiare entro le poche e brevi visite consentite, oppure il virus sia stato diffuso da un operatore sanitario, un medico, un infermiere o un oss che non ha ricevuto il vaccino. “La situazione è sotto controllo”, riferisce Dal Ben, “e sta tornando a casa. Verifichiamo anche l’origine delle infezioni controllando tutto il personale ”.

Controlla anche il secondo focolaio in ospedale, di cui Dal Ben conferma essere lì: “C’è un’altra situazione simile che è ancora oggetto di indagine, motivo per cui preferisco non aggiungere ulteriori informazioni”, nota il direttore generale, “ma io Le posso assicurare che sono in corso tutti i controlli necessari e che tutti i servizi e i pazienti sono stati messi in sicurezza “.

READ  Bastano 3 ingredienti per preparare questa torta lievitata senza farina e senza latticini

Il grande passo avanti nella sicurezza dei servizi è stato fatto dai vaccini, che da gennaio in poi hanno permesso agli operatori sanitari di vaccinarsi. “In azienda, abbiamo somministrato oltre 17.000 dosi ai nostri dipendenti diretti e ad altri professionisti che si occupano di servizi ospedalieri”, afferma Dal Ben, “e stiamo ancora somministrando vaccini. Continuiamo ad educare chi non l’ha fatto e ancora oggi ne riceviamo richieste, segno che anche i più riluttanti comprendono l’importanza di tutelarsi e tutelare i pazienti ”.

Oppure è l’effetto del decreto che impone l’obbligo di vaccinazione a tutti gli operatori sanitari, pena la sospensione gratuita dall’attività. “Il decreto sarà applicato in tutte le sue parti” assicura il direttore generale, “ma le fasi vanno ovviamente rispettate. Per ora abbiamo inviato l’elenco dei nostri dipendenti alla Regione. Spetterà alla Regione incrociare tutti i nominativi con i dati dei vaccinati e restituire la lista dei non vaccinati. Su quest’ultimo, dovremo capire il motivo del rifiuto del vaccino caso per caso, poiché potrebbero esserci casi in cui la persona non può. E in questo caso il rifiuto è giustificato. Chi invece può ricevere il vaccino ma non vuole farlo perché contrario sarà esposto alle sanzioni previste dal decreto, una volta effettuati tutti i controlli ”.

Meno del 10% della forza lavoro dell’azienda non è ancora stata vaccinata contro il Covid, ovvero circa 600 persone: “Un numero che continua a diminuire”, ha già notato Dal Ben, “perché la campagna di sensibilizzazione è costante: queste persone sono periodicamente chiamate approfondire il tema dei vaccini e fornire loro tutte le informazioni di cui hanno bisogno ”. L’obiettivo è arrivare con la più ampia copertura possibile al fine di evitare spiacevoli sospensioni o ricollocazioni non sempre facili nelle mansioni Ancor più che negli ospedali, il La percentuale più alta di operatori contrari ai vaccini si registra nelle case di cura, ma le nuove regole di obbligo si applicano anche a loro.

READ  Coronavirus, Crisanti: rispetto agli ingegneri di Amazon, il generale Figliuolo è un apprendista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *