sarà ancora possibile soddisfare il VVD?

sarà ancora possibile soddisfare il VVD?

Il primo ministro Rutte giovedì mattina al Binnenhof, in viaggio verso Torentje.  Immagine David van Dam

Il primo ministro Rutte giovedì mattina al Binnenhof, in viaggio verso Torentje.Immagine David van Dam

“Non c’è crisi, stiamo parlando”. Nella notte tra mercoledì e giovedì, dopo ore di deliberazioni sull’asilo nel gabinetto, il primo ministro Rutte ha cercato di irradiare calma. In tal modo, ha negato l’atmosfera che la sua stessa festa stava cercando di evocare questa settimana, l’atmosfera flessibile o spezzata. Il VVD sta cercando di far passare questo messaggio con sempre maggiore forza da diversi mesi: ora bisogna fare passi chiari per ridurre drasticamente il numero dei richiedenti asilo, altrimenti il ​​VVD è pronto a sospendere le elezioni.

Gli altri partiti della coalizione hanno risposto laconicamente a questo all’inizio di questa settimana, ma ora non più. Abbiamo sentito di queste parti che sono rimaste scioccate dal tono e dall’atteggiamento del leader del VVD Rutte mercoledì sera. Si dice che sia in una “corsa allo scontro” e pronto a farne una dura lotta per il potere politico. “All’improvviso c’era una Rutte completamente diversa”, ha detto un insider.

Circa l’autore
Raoul du Pré è il redattore politico di di Volkskrant. Scrive di politica nazionale dal 1999.

Non è un segreto che il VVD attribuisce grande importanza alla politica di asilo. Dalla sua formazione nel 2017, il partito si è sentito intrappolato in una coalizione con partiti che ancora si accigliano quando il partito di Mark Rutte vuole parlare di nuovo di misure di asilo.

Nel 2017, GroenLinks ha lasciato il tavolo delle trattative perché la parte non voleva concludere accordi con i paesi africani che avrebbero reso impossibile chiedere asilo nei Paesi Bassi. Invece, la ChristenUnie ha preso il sopravvento. Questo partito è forse un po’ meno imbrigliato nel dossier sull’asilo, ma è altrettanto impegnato a rispettare gli accordi sui diritti umani nei trattati internazionali.

READ  20.000 lavoratori hanno lasciato la fabbrica cinese di iPhone dopo una disputa di lavoro

Soluzioni internazionali

Dal 2017 gli studi Rutte III e IV si sono quindi concentrati principalmente su soluzioni internazionali, in un contesto europeo, anche se da anni ne è venuto poco. Rutte inoltre non ha fatto alcun tentativo visibile di scuotere le cose a Bruxelles.

Questo è cambiato di recente. I Fratelli d’Italia di Georgia Meloni hanno vinto le elezioni in Italia e Rutte ha colto l’occasione, insieme agli italiani, per guidare i negoziati con la Tunisia, da dove la maggior parte dei richiedenti asilo si dirige verso la Tunisia. Ciò non è stato senza risultati: l’accordo tra Ue e Tunisia è quasi completo e, secondo i diplomatici, dovrebbe servire da modello per accordi simili con Paesi come Marocco, Libia ed Egitto.

Questo è il primo risultato internazionale tangibile da anni, ma il VVD ora vuole fare centro anche a livello nazionale. Con l’emergere del BBB, la competizione elettorale a destra è più grande che mai. Rutte non vuole rischiare un’altra estate in cui le notizie siano dominate dai centri per richiedenti asilo sovraffollati e dalle richieste disperate del suo stesso segretario di stato Eric van der Burg affinché i sindaci accolgano più persone.

Impossibile a livello nazionale

C’è un problema pratico: per un partito come il VVD, che non vuole uscire dall’Ue, le opzioni nazionali sono molto limitate. Questo non è possibile senza accordi con altri paesi.

Una delle poche opzioni nazionali è quella di limitare il numero dei familiari successivi; i familiari che possono venire una volta che al richiedente asilo è stato concesso lo status di residente ufficiale. Ma non è neanche facile.

La tabella mostra una variante della proposta del CDA di tornare alla situazione precedente all’Aliens Act del 2000. Questa distingueva i “veri” rifugiati da coloro che beneficiavano di protezione temporanea. Queste “persone protette sussidiarie” non potevano richiedere il ricongiungimento familiare. Nel piano che il VVD sta mettendo sul tavolo, ai rifugiati politici perseguitati viene assegnato uno status A perché hanno poche o nessuna prospettiva di tornare nel loro paese di origine. Lo status B include i rifugiati di guerra, che potrebbero eventualmente tornare. Per quest’ultimo gruppo, il diritto al ricongiungimento familiare dovrebbe essere notevolmente limitato.

Obiezioni immutate D66 e CU

Tuttavia, tali misure richiedono lunghe modifiche alla legge e continuano a incontrare obiezioni da parte dei partner della coalizione D66 e ChristenUnie, che non vogliono essere nuovamente respinti dal tribunale, come accaduto la scorsa settimana lo scorso anno durante il precedente tentativo di frenare il ricongiungimento familiare . Sono pronti a pensare, dicono questi partiti, ma non se ciò significa che il diritto all’asilo dei profughi di guerra è considerevolmente limitato.

Come ogni giovedì, giovedì i quattro partiti della coalizione si incontrano per la prima volta nella propria cerchia. Successivamente, verso le 21:00, continueranno le deliberazioni del governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *