Sciopero ‘con impatto nazionale’ a ING il 30 marzo |  Interni

Sciopero ‘con impatto nazionale’ a ING il 30 marzo | Interni

Giovedì 30 marzo, il personale di ING Bank si batterà nuovamente per un contratto collettivo migliore. Secondo il movimento sindacale si tratta di uno sciopero “di portata nazionale” che durerà un giorno lavorativo.

Duygu Akçay, direttore commerciale di FNV Finance, conferma a questo sito l’intenzione della giornata di azione. Non vuole fornire dettagli per massimizzare l’effetto sorpresa dello sciopero, indica l’autista.

Non è quindi noto quali reparti saranno interessati dai dipendenti assenti al 30 marzo. Akçay: ,,Il giorno dell’azione può anche avere conseguenze per i clienti di ING Bank, che è insito in uno sciopero. Ma il consiglio può fermare tutto facendo una buona offerta di contrattazione collettiva.

ING offre attualmente a tutti i suoi dipendenti un aumento salariale dal 4 al 7% nel 2023, a seconda del livello salariale. Nel 2024 seguirà un aumento collettivo del 3% e un aumento individuale dall’1 al 2%. Anche l’altezza delle scale salariali stesse sarà allungata e ci saranno maggiori opportunità di fare differenze per premiare finanziariamente le prestazioni e lo sviluppo.

Secondo la FNV, l’attuale offerta migliorata è ancora “non sufficiente”. Il direttore del sindacato indica che probabilmente non si fermerà alla giornata di azione del 30 marzo se ING Bank non soddisferà le richieste del sindacato.

All’inizio di questo mese, i lavoratori di ING Bank si sono già presi una pausa di due ore perché è scaduto l’ultimatum di un movimento sindacale per un accordo di contrattazione collettiva. I sindacati vogliono soprattutto avere la certezza che la Giunta compenserà le possibili conseguenze dell’inflazione negli anni a venire.

READ  Halsema in marcia tranquilla: gli incidenti antiebraici si moltiplicano

Commento può essere trovato in fondo a questo articolo. Solo commenti con a cognome e nome sono situati. Lo facciamo perché vogliamo un dibattito con persone che si battono per quello che dicono, e quindi ci mettono il loro nome. Coloro che devono ancora inserire il proprio nome possono farlo facendo clic su “Accedi” in alto a destra nel nostro sito.

Quando puoi colpire e quando no? Lo spiega il professor Stefan Sagel dell’Università di Leida (video):

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *