Sclerosi multipla e farmaci a prezzi accessibili: da oggi migliaia di persone potranno accedere ai trattamenti – Hamelin Prog

Sclerosi multipla e farmaci a prezzi accessibili: da oggi migliaia di persone potranno accedere ai trattamenti – Hamelin Prog

Migliaia di persone affette da sclerosi multipla nel mondo avranno finalmente accesso a cure grazie all’inserimento di tre medicinali nella “Lista dei farmaci essenziali” dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Fino ad oggi, molti pazienti non avevano accesso a questi farmaci a causa dei costi elevati o della mancanza di risorse assistenziali, soprattutto nei Paesi con risorse limitate. Questa importante conquista è stata resa possibile grazie a due anni di lavoro, con il contributo dell’Irccs Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna e dell’assessorato regionale alle Politiche per la salute dell’Emilia-Romagna.

Il progetto è stato promosso dalla “Multiple Sclerosis International Federation” e ha coinvolto 51 esperti e rappresentanti dei pazienti provenienti da 24 Paesi del mondo. Grazie al lavoro congiunto di queste organizzazioni internazionali, la richiesta di inserimento dei tre farmaci è stata avanzata insieme al Centro collaboratore “WHO Collaborating Centre in Evidence-Based Research Synthesis and Guideline Development”.

L’inclusione di questi farmaci nella lista dell’Organizzazione Mondiale della Sanità fornirà validi opzioni di scelta per i pazienti e le decisioni di politica sanitaria nazionali, permettendo un migliore accesso alle cure per le persone affette da sclerosi multipla. La sclerosi multipla è una malattia neurologica cronica che colpisce il sistema nervoso centrale, causando una vasta gamma di sintomi e limitazioni nella vita quotidiana. Di conseguenza, è fondamentale garantire che i pazienti abbiano accesso alle cure adeguate per gestire i sintomi e migliorare la qualità della vita.

L’inserimento di questi farmaci essenziali rappresenta un importante passo avanti nella lotta contro la sclerosi multipla e offre speranza a tutte le persone affette da questa malattia. Grazie a questa decisione, molti pazienti potranno finalmente beneficiare di cure che fino ad ora erano fuori dalla loro portata. Oltre al beneficio diretto per i pazienti, l’inclusione di questi farmaci nella lista dell’Organizzazione Mondiale della Sanità potrebbe anche avere un impatto positivo sulle politiche di salute a livello nazionale, spingendo i governi a fornire risorse e supporto adeguati per i pazienti affetti da sclerosi multipla.

READ  Fegato, lorgano che depura e compensa i nostri errori (tipo lalcol), ma non per sempre

Questa notizia è un’importante vittoria per la comunità dei pazienti con sclerosi multipla e testimonia l’importanza di collaborazioni internazionali nel campo della ricerca e dell’assistenza sanitaria. Grazie all’impegno di esperti provenienti da diversi Paesi, sarà possibile migliorare la vita di migliaia di persone affette da questa malattia debilitante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *