Shula Rijxman (D66) lascia la carica di assessore di Amsterdam dopo soli 8 mesi

Shula Rijxman (D66) lascia la carica di assessore di Amsterdam dopo soli 8 mesi

Shula Rijxman (D66) lascia la carica di assessore di Amsterdam dopo soli 8 mesi

Shula Rijxman era assessore alle cure.Statua Eva Plevier

In una lettera al consiglio comunale, Rijxman scrive che il ruolo di assessore le si addice meno di quanto pensasse in precedenza. “Non mi sento più a mio agio nel ruolo e oggi sono giunto alla mia conclusione”.

Rijxman afferma di non poter fare le cose “in modo efficace” all’interno del comune. Rijxman: “Pensavo che la mia esperienza di imprenditore e amministratore, unita a quella di persone che hanno lavorato per un po’ nella pubblica amministrazione, avrebbero aggiunto valore.

Dopo otto mesi, ora ci sta tornando. “I residenti di Amsterdam hanno diritto a un’assistenza di qualità e alla qualità di tutti i servizi forniti dal governo locale. Il mio ideale era ed è quello di contribuire, ma in pratica sono troppo spesso oggetto di discussioni.

In qualità di assessore, Rijxman era responsabile, tra le altre cose, della salute, delle aziende, delle TIC e della città digitale e dei media locali.

un sei

La posizione di Rijxman come assessore è stata difficile da far decollare. Nelle riunioni del consiglio, ha fatto un’impressione confusa, è stata spesso incitata dai funzionari e il suo passato come direttore di NPO ha oscurato il suo lavoro. Anche il consiglio comunale ha spesso criticato il suo funzionamento. Ad esempio, Rijxman, contro la volontà del consiglio, non è stato in grado di mantenere a galla gli affari diurni di Kwekerij Osdorp.

A dicembre, si è data “un sei” in un’intervista a parole. “Penso di essermi sistemato gradualmente, anche se a volte ho ancora paura. Non conosco nessun centro benessere ed è un portafoglio così grande. Ma ora guido. Sto già programmando e nel frattempo non ho mai finito di imparare.

Nell’intervista, ha anche affermato che avrebbe fatto del suo meglio per ridurre i tagli previsti all’assistenza sanitaria. La scorsa settimana è dovuta tornare su questo e ha scritto al consiglio comunale che dopotutto c’era lei dietro i tagli.

“Solo rispetto”

Con la partenza di Rijxman, ci sono ancora otto consiglieri nel consiglio. Secondo il sindaco Halsema, il lavoro di Rijxman sarà distribuito “a breve termine” tra gli altri assessori. Quindi c’è una buona probabilità che non ci sarà un ritorno a otto assessori, ma che D66 stia cercando un sostituto. L’addio è doloroso per il partito, che a giugno ha annunciato con orgoglio l’arrivo di Rijxman come ‘top manager’ della Onlus.

Reinier van Dantzig, leader politico del D66 ad Amsterdam, dice che non può che rispettare la scelta di Rijxman. “Shula ha messo il suo cuore e la sua anima ad Amsterdam. La ringrazio per questo. Il fatto che ora concluda che questa posizione non è sua è una scelta difficile per lei personalmente, ma anche una scelta coraggiosa.

Shula Rijxman dopo sei mesi da assessore: “Ora mi do un sei”

Shula Rijxman ha rilasciato un’intervista a dicembre parole dei suoi primi sei movimentati mesi come assessore. “Se inizi con un arretrato e sei costantemente lontano dai fatti, allora penso ancora che sia fantastico quello che ho fatto in quei mesi. Penso che sia abbastanza? No. Devo ancora imparare? Certo. ”

Leggi l’intervista completa con Shula Rijxman qui.

READ  'Confine temporaneamente chiuso ai richiedenti asilo' | Quello che dici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *