“Stavo combattendo il burqa ora dovrò indossarlo” – Corriere.it

“IO talebani hanno detto che lasceranno lavorare e studiare le donne. gli credo? Non so. So solo che un gruppo di ragazze di Herat che conosco, dopo la caduta della città, è andato dal rappresentante locale degli studenti coranici e gli ha chiesto di essere rassicurato. Ma ha rifiutato loro il permesso di fare qualsiasi cosa. Compreso andare all’università o lavorare”. Mahbouba Seraj è uno degli attivisti più noti dell’Afghanistan. Ha 73 anni e ne ha viste tante. “Sono addolorata, ma non dimentichiamo che queste donne oggi sono lasciate sole da chi diceva di volerle liberare”, spiega alla messaggistica.

Nel frattempo, le due sorelle di Kabul restano nascoste in un luogo segreto hanno detto a tutti messaggistica nelle ultime ore, la paura di essere messo nelle liste di mettiti da solo che si dice che i talebani siano porta a porta. Stanno aspettando che qualcuno li aiuti. E mentre la catena della solidarietà sta cercando di agire cercando di allontanare dal Paese una studentessa dell’università di Kabul – la stessa su cui i talebani hanno issato bandiera bianca -, scrive nel Custode: “Oggi, quando sono tornato a casa, ho dato un’occhiata al salone di bellezza dove stavo per fare la mia manicure.. La vetrina, decorata con bellissime foto di ragazze, era stata imbiancata durante la notte. E ancora: “Per tutta la vita ho combattuto contro l’immagine della donna afgana come una figura senza volto coperta da un lenzuolo azzurro. Non avrei mai pensato di indossarne uno”, spiega mentre la fila a Kabul e Herat per comprare il burqa si allunga.

READ  Sostituzioni 2021-22, tutte le risposte alle domande più frequenti. TEMPO DELLE DOMANDE [VIDEO]


Afghanistan conquistato dai talebani: cosa sta succedendo nel Paese e cosa accadrà alle donne

Di fronte a chi resta, c’è anche chi parte. “Sono in aeroporto, sto aspettando di prendere un volo ma non so dove andare”, spiega aAp Tajik, analista di 22 anni che lavora per un imprenditore americano che aiuta le imprese afghane. “Come trascorrerò le mie giornate? Chi sosterrà la mia famiglia? “. Tajik ha ricevuto la chiamata domenica pomeriggio, dicendo che aveva 10 minuti per andarsene. Era stata inserita in una lista di evacuazione negli Stati Uniti o in Messico. Nemmeno il tempo di salutare i genitori rimasti a Herat. Così ha lasciato l’appartamento che condivideva con un’amica a Kabul, ha preso dei vestiti, un computer portatile e il suo telefono. “Ora i miei sogni e i miei piani sono tutti in questo zaino.”

Il regista scappa disperato e posta il video su Facebook Sahraa Karimi, autrice del film ava Hava, Maryam Ayesha ”, dedicata agli aspetti controversi della maternità in Afghanistan ed è arrivata a Venezia nel 2019. Nelle scorse settimane Karimi ha scritto una lettera aperta chiedendo protezione per i registi afgani. “Se i talebani prendono il sopravvento, io e altri artisti potremmo essere i prossimi sulla loro lista nera”. E i giornalisti tremano da tempo nel mirino e per il quale ONG come il Committee to Protect Journalists si sono ora messe al lavoro. “Quando Kabul è caduta, ho ricevuto una telefonata da mio fratello che diceva ‘Dove sei? Devi andare subito a casa”, ha detto ad al. Custode importante ancora della televisione afgana.

Ma le donne afghane non sono solo quelle di Kabul. Molti non sanno nemmeno scrivere e hanno anche 11 figli ciascuno. “Qui le donne vengono a lavorare con il burqa”, ha detto ad al. messaggistica solo un mese fa, quando i talebani sembravano ancora un lontano incubo, Francesca Gigliotti, responsabile dell’ospedale Medici Senza Frontiere di Khost. “Quindi possono lavorare ma non possono, ad esempio, avere un conto in banca a loro nome”. Per la maggior parte di loro, il problema non è tanto chi detiene il potere a Kabul, quanto cosa mettere nel piatto alla fine della giornata. Ma c’è una cosa che tutte le donne incontrate nel Paese negli ultimi anni hanno ripetuto, di ogni ceto sociale e di tutte le regioni. “Le ragazze devono poter studiare.” Un diritto che – sottolinea Seraj – non sarà necessariamente garantito dagli studenti coranici.

READ  Il Partito Democratico e un malinteso senso di responsabilità

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 agosto 2021 (modificato il 17 agosto 2021 | 00:07)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *