Stellantis chiude la storica fabbrica Fiat in Polonia: 486 licenziati – Hamelin Prog

Stellantis chiude la storica fabbrica Fiat in Polonia: 486 licenziati – Hamelin Prog

Grande notizia proveniente dal settore automobilistico: la Fiat ha annunciato la chiusura della fabbrica Fca di Bielsko Biala, in Polonia, che produce i motori 1.3 Multijet. Questo comporterà il licenziamento di quasi 500 operai. La notizia è stata confermata dalla presidente del sindacato aziendale Solidarnosc.

La chiusura della fabbrica avverrà entro la fine del 2024, ma c’è una piccola luce in fondo al tunnel per i lavoratori. Infatti, una parte dei licenziati potrebbe trovare lavoro in altri stabilimenti della Stellantis in Polonia.

I sindacalisti inizieranno a negoziare le indennità di fine rapporto di lavoro il prossimo 9 gennaio, nella speranza di garantire il miglior accordo possibile per i dipendenti colpiti da questa decisione.

La chiusura della fabbrica rappresenta la fine di un’epoca per l’industria automobilistica polacca. La fabbrica di Bielsko Biala ha svolto un ruolo di rilievo nella produzione di motori per Fca, contribuendo alla crescita e allo sviluppo del settore nel paese.

Tuttavia, non tutto è perduto per l’industria automobilistica polacca. Infatti, nello stabilimento di Tychy, ora di proprietà della Stellantis, vengono prodotte due b-suv: la Jeep Avenger e la Fiat 600. Entrambi i modelli sono dotati di motorizzazioni elettriche, termiche e ibride, in linea con le nuove tendenze del settore.

Inoltre, presto si unirà a loro un terzo modello: l’Alfa Romeo Milano, basata sulla stessa piattaforma. Il debutto di questa nuova vettura è previsto per la primavera.

Nonostante la chiusura della fabbrica di motori 1.3 Multijet a Bielsko Biala, l’industria automobilistica polacca continua a mantenere un ruolo rilevante, contribuendo all’economia del paese e offrendo opportunità di lavoro.

Restate connessi per ulteriori aggiornamenti sul settore automobilistico e tutte le ultime notizie riguardanti la Fiat e la Stellantis.

READ  DallAgenzia delle Entrate la prima circolare sulla riforma IRPEF, ma servono istruzioni più dettagliate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *