Storie di giovani alle porte del centro applicativo Ter Apel

Storie di giovani alle porte del centro applicativo Ter Apel

In mezzo a questo flusso infinito di informazioni miserabili, a volte è difficile per me formarmi un’immagine delle persone coinvolte. Da dove vengono? Quali sono i loro problemi, i loro sogni e le loro ragioni per venire in Olanda? Per avere un’idea migliore di questo, sabato scorso, 27 agosto, un pomeriggio ho fatto il giro delle tende al cancello, dove ho chiesto alle persone la loro storia.

Abdulwahab (23) dalla Nigeria

Ho lasciato la Nigeria perché lì c’è la pena di morte per omosessualità. Anche se ho cercato di nasconderlo per molto tempo, ho notato che le persone intorno a me hanno iniziato a sospettare della mia sessualità. Poiché è in pericolo di vita, me ne sono andato alla fine del 2016 senza preavviso. All’epoca ero nel bel mezzo dei miei studi in ingegneria meccanica. Poi sono stato imprigionato in Libia per sei mesi. Spesso vieni sbattuto in prigione lì se sei nero, anche se non c’è una ragione apparente per questo.

Quando sono stato rilasciato dopo sei mesi, ho preso una barca per l’Italia. Sono arrivato lì nel 2017 e ho incontrato il mio attuale partner. Siamo una coppia da due anni. È rimasto in Italia perché non volevo più passare del tempo con lui in quei posti. Quando siamo insieme, siamo costantemente ridicolizzati, insultati e molestati. Anche, o forse soprattutto, da altre persone della Nigeria.

Spero di ottenere un permesso di soggiorno e non ci vorrà molto. Perché anche se qui è meglio che in Italia, a Ter Apel non mi sento al sicuro. Ci sono molti rifugiati qui che provengono da paesi in cui l’omosessualità è contro la legge e indesiderabile.

Fortunatamente, ho incontrato un bel po’ di persone qui che sono anche LGBTQ+. Stiamo tutti cercando di proteggerci. Ma è abbastanza difficile se dormi fuori e c’è poco controllo sociale. Questo è il motivo per cui spesso finiamo in liti. Al momento, so molto poco sullo stato della mia domanda. Ma spero che funzionerà e che anche il mio partner possa venire in modo che possiamo finalmente vivere insieme in un posto sicuro.

READ  Scuola dei Fratelli in scambio in Spagna, Italia e Grecia | Roeselare

Juan (17) e sua madre dalla Colombia

Siamo fuggiti dalla Colombia a causa delle minacce di morte. È per colpa di mio padre: ha una posizione politica e faceva solo il suo lavoro. Ma questo significava che eravamo minacciati di morte. Era così brutto che non potevo uscire di casa per anni.

Alla fine la minaccia è diventata così grande che abbiamo dovuto andarcene. I Paesi Bassi ci sembravano una scelta sicura. Speriamo di ottenere un permesso di soggiorno e di essere al sicuro, ma ovviamente non sappiamo se funzionerà. Abbiamo dormito su una stuoia per terra la scorsa notte e potrebbero volerci settimane o addirittura mesi. Preferiremmo costruirci una vita qui. Vorrei studiare geologia, prima è meglio è. Vorrei anche tornare a nuotare. Sono un buon nuotatore e da bambino ho nuotato professionalmente. Mi piace anche suonare la chitarra e leggere, in russo, inglese e spagnolo.

Penso che i Paesi Bassi siano molto belli e mi sento al sicuro qui. Tuttavia, Ter Apel è un’eccezione a questa regola. Erano spaventati. La situazione qui è terribile. Ci sono molti litigi, problemi e persone aggressive qui. Ma c’è poco da fare. Tutti dobbiamo aspettare e vedere.

Awa (19) e la figlia di cinque mesi della Guinea

Prima di fuggire, ho coltivato. Mio padre morì quando avevo dodici anni e mia madre sposò un altro uomo. Poi sono iniziati i problemi. Il mio patrigno mi ha costretto a fare sesso con lui quando mia madre era al lavoro.

Alla fine sono rimasta incinta di lui per questo. Quando ho detto a mia madre cosa stava succedendo, il mio patrigno mi ha dato un pugno allo stomaco finché non ho avuto un aborto spontaneo. Poi il mio patrigno ha dato a mia madre una scelta: o vado io o se ne va tua figlia. Mia madre ha scelto suo marito e mi ha mandato via. Avevo allora diciassette anni.

Sperando in una vita migliore, ho fatto un viaggio in Europa. Sono andato in Italia per la prima volta in barca. Lì ho incontrato il padre di mia figlia. Ma due mesi dopo la sua nascita, mi ha lasciato. Durante questo periodo, sono stato costantemente molestato dagli uomini. Così ho deciso di continuare a viaggiare.

Ho scelto i Paesi Bassi perché ho sentito che era sicuro per le donne qui. Ed è vero. Da quando sono arrivato qui due mesi fa, nessuno mi ha disturbato. Ma il problema è che a causa di tutto quello che è successo, non voglio più vivere davvero. Mia madre non mi vuole più e mio padre è morto. Mi rende molto triste tutto il tempo. Si potrebbe dire che ho problemi psicologici. Non sono ancora stato ammesso all’IND: questa è la prima fase della procedura di asilo. Ma spero in un lieto fine. Il mio sogno più grande è andare all’università, è quello che mio padre ha sempre voluto per me.

Sanna (21) dal Pakistan (non voleva essere nella foto)

Sono venuto nei Paesi Bassi nove mesi fa attraverso l’Italia. Sono un musulmano ahmadi: una minoranza in Pakistan. I musulmani ahmadi vengono maltrattati o uccisi in molti paesi a causa della loro fede, che in qualche modo si discosta dall’Islam tradizionale. Altri musulmani pensano che come musulmano ahmadi non hai il diritto di pregare o visitare un edificio che sembra una moschea, per esempio. In Pakistan, i musulmani Ahmadi sono perseguitati dalla legge e regolarmente attaccati.

Ho deciso di andarmene quando i miei vicini hanno detto che se ti avessimo visto pregare, ti avremmo ucciso. Ero in pericolo mortale. Ho una domanda Dublino in Italia, ma non voglio essere in Italia. Ci sono molti pakistani e altri musulmani lì che sono contro i musulmani ahmadi e non è sicuro per me lì. È per questo che sono qui. Ci si sente bene qui. Posso essere me stesso qui senza temere per la mia vita. In Pakistan, ho conseguito una laurea in informatica all’università. Vorrei fare un master in questo campo. Ma questi sono solo sogni. Non so nemmeno se posso restare. So che se vengo rimandato in Italia o in Pakistan, in realtà è solo la mia condanna a morte. È la mia ultima speranza. Non sopravviverò.

Weal (25) dalla Siria

Sono arrivato a Ter Apel sei giorni fa. Sono venuto qui dalla Turchia. Camminare. È durato quindici giorni, ma non cammini solo. A volte prendi un ascensore o prendi il treno per un po’. Quando è scoppiata la guerra in Siria, sono fuggito in Turchia. Ho vissuto lì per sette anni senza permesso di soggiorno. Taglio la legna per guadagnare un po’ di soldi. Dato che alla fine non avevo più soldi per sopravvivere, ho deciso di venire nei Paesi Bassi. La vita in Turchia è diventata impossibile. La mia famiglia è rimasta lì. Il viaggio era troppo pericoloso per loro e volevo prima vedere se avevamo una possibilità qui. Mi piacerebbe vivere e lavorare qui. Non mi interessa come o cosa.

Sono un uomo semplice. Voglio solo avere una vita normale. Faccio fatica a sopportare di dover lasciare il mio paese d’origine a causa della guerra, poi aver passato anni in Turchia con a malapena un reddito, che poi sono fuggito qui e che la fine della canzone è che mi siedo su una stuoia sul pavimento che dorme al freddo, non sapendo cosa mi succederà. Mi sento molto, molto male in questa situazione. È molto sporco qui, non posso fare la doccia, sono stato derubato una volta e non so quanto durerà. Inoltre, non credo sia giusto che gli ucraini abbiano la priorità. Anche noi qui siamo scappati dalla guerra, solo che non abbiamo la pelle bianca e quindi c’è meno empatia per noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *