Suggerimento per i noleggiatori: tieni in vacanza i tuoi pedaggi e le ricevute del carburante

Suggerimento per i noleggiatori: tieni in vacanza i tuoi pedaggi e le ricevute del carburante

L’automobilista medio attraverserà il confine con un leggero sospiro di sollievo a causa dei prezzi del carburante più bassi nei paesi che ci circondano. Questo non si applica alle persone che si dirigono verso il sole in un’auto aziendale.

La carta carburante aziendale non può sempre essere utilizzata all’estero. E poi, all’improvviso, devi pagare carburante e pedaggi, come tutti gli altri.

Uso privato

Acido per autisti a noleggio. Pagano già un extra per poter utilizzare la propria auto privatamente. Questo costa centinaia di euro netti al mese.

È vero che il datore di lavoro può pagare i costi della benzina ei pedaggi all’estero senza alcuna conseguenza fiscale, ma la maggior parte dei datori di lavoro non è molto favorevole a questo.

I costi di carburante e pedaggio durante le vacanze sono quindi molto elevati. Per compensare i dipendenti, possono compensare questo con il conto, spiega Dik van Leeuwerden dell’HR e fornitore di servizi salariali ADP.

Vantaggio fiscale

Spiega come funziona utilizzando un esempio di calcolo. “Supponiamo di aver sostenuto una spesa di 250 euro durante la tua vacanza. Li dichiari al tuo datore di lavoro”, dice.

“Il datore di lavoro ti paga il credito e lo trattiene immediatamente, ma poi come contributo personale per l’uso privato della tua auto aziendale”, continua Van Leeuwerden. “Non costa niente al datore di lavoro, tranne una piccola amministrazione extra.”

I dipendenti beneficiano, perché il contributo personale per uso privato riduce l’aggiunta dell’auto aziendale. Ciò significa che il lavoratore non paga le tasse sui 250 euro. Supponiamo che scenda al di sotto dell’aliquota del 49,5%, questo fa risparmiare quasi 125 euro di tasse. “Non sarai quindi completamente rimborsato, ma è comunque un’opportunità per ridurre notevolmente i costi”, conclude Van Leeuwerden.

READ  Bollo auto 2022: scadenze, esenzioni e pagamento

Per organizzare ciò, è necessaria la collaborazione del datore di lavoro. Questa possibilità non è prevista dalla legge, aggiunge, ma l’amministrazione fiscale e doganale richiede che il regime sia inserito nel “regime auto” del datore di lavoro. “Quando lo incontrano per la prima volta possono essere un po’ titubanti, ma sta diventando sempre più noto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *