SuperG Bormio, vince Cochran-Siegle. Scommesse lente, fuori dai primi 10

Sulla Stelvio, il podio è stato completato dall’austriaco Kriechmayr (secondo a 79 centesimi) e dal norvegese Sejersted. Cattivo blues …

Ma non chiamatela delusione. Il tecnico dei velocisti azzurri Ghidoni aveva detto: “Non chiedere l’impossibile al Paris. Ha bisogno del suo tempo”. Il 18 ° posto per il SuperG di Bormio potrebbe sembrare un passo indietro, ma si può solo pensare che meno di un anno fa Domme si è rotto un cross al ginocchio destro. In gara Dominik, forse leggermente svantaggiato con il pettorale numero 2, va all’attacco, ma nella prima parte non trova il giusto feeling con la pista, un po ‘indeciso nelle curve. Nonostante la buona velocità, l’intermediario è già in ritardo. L’azzurra migliora nella fase finale, ma non basta, il ritardo è pesante: 2”02 dal vincitore.

Cochran-Siegle, che spettacolo

E sorprendentemente trionfante, con un tempo di 1: 29.43, è stato il 28enne Cochran-Siegle che, tuttavia, è stato il migliore in entrambe le prove a tempo. L’americano con gli sci è uno spettacolo: linee perfette e velocità altissima (in discesa, non SuperG: sopra i 127 km / h). Dopo tanti anni di delusione, gli Stati Uniti potrebbero aver trovato l’erede di Bode Miller. Il 28enne non era mai salito sul podio di Coppa del Mondo prima di finire secondo nella discesa della Val Gardena. Sul podio a Bormio, seguito dall’austriaco Kriechmayr (secondo a + 79 centesimi), terzo il norvegese Sejersted terzo a 0”94. Quarto Kilde (+ 1”18) e quinto Cavieziel (1”36).

gli altri blues

Christof Innerhofer, reduce anche lui dalla pausa crossover di marzo 2019, parte con il pettorale 20. L’azzurro di Brunico è salvo, il suo sci è pulito, ma non veloce. E termina con un ritardo di 1 “91 (26 °). Buzzi si piazza davanti a Innerhofer, 29 ° (2”64). Dopo due porte Tonetti si infortuna. Marsaglia con il suo 25 ° posto è il migliore dopo Parigi. Schieder 41st.

READ  Inter 5-0 Shakhtar Donetsk: Conte in finale dopo Mourinho

precedente

Lo Stelvio non è mai una pista facile o fortunata per gli Azzurri che qui dal 1995 hanno vinto solo due volte. L’ultima, due anni fa, con Dominik Paris (il campione meranese di Bormio ha 6 successi, 5 in discesa).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *