Tempo di recupero, Ibra è di nuovo pronto a sorprendere. Zlatan è attualmente l’attore più forte d’Europa

È possibile essere ancora sorpresi quando si parla di Ibrahimovic? Ovviamente sì. I dieci gol in sole sei presenze in Serie A sono sbalorditivi per il 39enne, e non è un caso che lo svedese stia battendo record su record. Ma Ibra non solo segna i gol dei “piccoli”, ma ha inflitto tre doppiette alle squadre di Inter, Roma e Napoli, del titolo o dei campioni. Ad oggi, Zlatan è il miglior giocatore d’Europa in termini di punteggio. E sono i dati che lo dicono. Tenendo conto solo dei singoli campionati, lo svedese ha una prestazione migliore rispetto a giocatori del calibro di Messi, Haaland, Lewandowski, Mbappé, Cristiano Ronaldo o Salah. Ibrahimovic è il primo giocatore in Europa come media goal in campionato: 6 partite giocate e 10 goal, una media di 1,7 goal a partita. Oltre ai numeri, c’è il fattore età. Perché Ibra segna quei gol a 39 anni, nessuno ci è mai riuscito prima in Italia. Con due reti segnate contro il Napoli, Zlatan è diventato il giocatore più anziano della storia capace di segnare almeno 10 reti nelle prime 8 partite di Serie A; il record precedente apparteneva a Silvio Piola nel 1942/43 (29 anni). Si potrebbero citare dozzine e dozzine di altre anteprime fissate dallo svedese in questi giorni, ma questo giocatore può essere riassunto in una parola: eterno.

Non ci sono più aggettivi per descrivere la sua importanza per il Milan e anche per l’attrattiva della Serie A. La brutta notizia dell’infortunio al bicipite femorale avrebbe ucciso tutti ma non lui, che subito è andato via. attivato con lo staff medico del club. per tornare a tempo di record. E qualcuno sarebbe sorpreso se Ibra tornasse presto a causa della sua grande predisposizione al sacrificio? È uno dei migliori professionisti che abbia mai calcato i campi di Milanello, sempre attento ad ogni piccolo dettaglio. Ieri ha trascorso più di 5 ore al centro sportivo per iniziare la terapia e svolgere lavori specifici in palestra per cercare di rientrare il prima possibile. Le previsioni dicono che Ibra potrà puntare al Parma il 13 dicembre, che coincide esattamente con uno shutdown di 3 settimane. Ma per lui è una bella sfida, anche provare a tornare in campo prima di quella data. E in questo è assolutamente eccezionale, un’auto. Zlatan ha deciso di restare vicino alla squadra e di non partire per la Svezia, verrà curato a Milanello e all’inizio di dicembre si sottoporrà a una visita medica presso la clinica Columbus di Milano. Se le cose vanno bene, entrerà nella fase due, quella della riattivazione. Vuole stupire ancora una volta Ibra, conosce il suo corpo e sa quanto possa spingere forte, ma ciò che lo contraddistingue è la voglia di migliorare sempre anche a quarant’anni.

READ  Sono richiesti 25 mila abiti "donati"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *