Tesla Model Y: la produzione in Europa inizierà a metà del 2021

Con il modello Y, Tesla ha adottato un nuovo approccio, farlo debuttare solo sui mercati dove è presente con un proprio stabilimento. Ad esempio, il SUV elettrico non è arrivato in Cina fino a quando non è iniziata la produzione nella Gigafactory di Shanghai. Per quanto riguarda l’Europa, sappiamo da tempo che il veicolo debutterà con l’inizio della sua costruzione nel nuovo stabilimento in Germania.

E per gli europei in attesa della Model Y, ci sono buone notizie. Tesla l’ha fatto aggiornato il configuratore europeo del suo nuovo SUV elettrico inserendo una data più precisa per l’inizio della produzione, almeno per la versione Long Range: metà 2021. Il lavoro della Gigafactory tedesca sta procedendo rapidamente e questo deve aver permesso a Tesla di poter finalmente fissare obiettivi temporali più precisi. Se la scadenza viene rispettata, le prime consegne potrebbero iniziare subito dopo.

Va notato che i modelli Y che saranno prodotti in Europa avrà differenze tecniche rispetto a quelli costruiti in America o in Cina. Il telaio, infatti, verrà realizzato con una nuova tecnica di stampaggio e verrà utilizzato un nuovo processo di verniciatura. Tesla potrebbe persino equipaggiare le auto con la nuova batteria strutturale 4680. All’inizio della produzione emergeranno sicuramente dettagli più precisi. In ogni caso, i modelli Y europei avranno interessanti novità dal punto di vista tecnico.

Inoltre, molti sperano che l’esperienza europea nel settore automobilistico consentirà loro di produrre modelli con migliore qualità costruttiva. Dal punto di vista del marketing, la Model Y è offerta in Europa in due varianti: Prestazioni a lungo raggio. Ricordiamo i dettagli tecnici e Prezzi italiani.

  • Tesla Model Y Long Range: 505 km di autonomia, 217 km / h di velocità massima, 0-100 km / h in 5,1 secondi e prezzi da 63mila euro
  • Tesla Model Y Performance: 480 km di autonomia, 241 km di velocità massima, 0-100 km / h in 3,7 secondi e prezzi da 71mila euro
READ  I mercati azionari sono pronti per un rally rialzista o è ancora un falso segnale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *