Testimoni oculari al teatro dell’attentato Mariupol: “È stato straziante”

Testimoni oculari al teatro dell’attentato Mariupol: “È stato straziante”

La BBC ha parlato anche con un fabbro di 27 anni, Vladyslav. Come Radionova, era vicino all’ingresso principale al momento dell’attacco. Fuggito subito in una cantina, ne uscì dieci minuti dopo dove “stavano succedendo cose terribili”. Ha visto persone con fratture aperte e una madre che cercava i suoi figli sotto le macerie. “Un bambino di cinque anni ha urlato: ‘Non voglio morire’. È stato straziante”.

La BBC ha chiesto agli esperti di analizzare l’attacco. Hanno concluso che il teatro potrebbe essere stato distrutto da una bomba; un KAB-500L a guida laser del peso di oltre 500 chili. È possibile che la bomba sia esplosa immediatamente al momento dell’impatto, impedendogli di perforare l’edificio e lasciando intatti i rifugi antiaerei.

Quasi una settimana dopo, molto rimane poco chiaro sull’attacco al teatro. Si dice che almeno 1.000 persone si siano rifugiate nell’edificio. Il sindaco di Mariupol ha riferito il giorno dopo che 130 persone erano state salvate dal teatro. Poi ci sono state notizie secondo cui molti sono sopravvissuti al bombardamento, ma non c’è stata una conferma definitiva di questa notizia.

Quasi nessuna informazione

Praticamente nessuna informazione esce dalla città assediata. Ieri è stato annunciato che i due reporter di AP, gli unici reporter internazionali che si occupavano ancora della battaglia di Mariupol, avevano lasciato la città; era diventato troppo pericoloso e dovettero essere evacuati in fretta dai soldati ucraini.

Mariia Rodionova alloggiava a teatro in una specie di sala conferenze vicino al palcoscenico. Sospetta che le altre trenta persone nella stanza siano state uccise nel bombardamento. Era pura fortuna che non fosse lì in quel momento, ha detto. Fuori, come Vladyslav, vide molti sopravvissuti uscire dall’edificio distrutto.

READ  "Il MIVD ha riferito alla CIA il piano ucraino di far saltare un gasdotto"

Il bombardamento del teatro ha causato shock internazionale. Soprattutto perché la parola “bambini” era scritta per terra in russo nella parte anteriore e posteriore del teatro, in modo che i piloti potessero vedere dall’aria che i bambini si nascondevano lì.

La Russia nega di aver compiuto l’attacco aereo e afferma che il responsabile era il Battaglione Azov, la milizia di estrema destra che anni fa aveva ripreso Mariupol dai ribelli filo-russi. Non ci sono prove per questa affermazione.

Riprese da drone di un recente bombardamento di un complesso industriale a Mariupol. Secondo gli ucraini, l’immagine mostra i russi che bombardano la città indiscriminatamente:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *