Tifosi della Fiorentina contro la famiglia Chiesa: e se avesse un pubblico ministero? La nostra richiesta | Prima pagina

Lunedì la Juventus ha piazzato il tiro Federico chiesa, trattativa che vi abbiamo raccontato di giorno in giorno e che si è conclusa con l’ufficialità del club bianconero: finanziamento biennale (7 milioni il primo anno e 3 il secondo) con obbligo di rimborso fissato in 40 milioni più un premio aggiuntivo di 10 milioni. Accordo globale da 60 milioni di euro, con la Juve che, tra parte fissa e bonus, ha raggiunto l’importo richiesto dal presidente della Fiorentina Commisso. Storcono il naso, però, i tifosi viola, che non hanno ingoiato il trasferimento alla Juventus di un giocatore cresciuto nel settore giovanile viola e lo hanno chiarito con un disputa difficile. Gli piacciono Bernardeschi e Baggio, con una differenza: Federico non ha un agente “ufficiale” ma è guidato dal padre Enrico, ex attaccante della Fiorentina. Ma come sarebbe successo se l’aggressore avesse avuto un agente? È cambiata la reazione dei tifosi viola nei suoi confronti? Abbiamo intervistato alcuni pubblici ministeri, tutti d’accordo.

Crescenzo cecere: “Secondo me non sarebbe cambiato molto, perché la rivalità tra Juve e Fiorentina è forte e per di più la rabbia dei tifosi viola è legata soprattutto al padre Enrico, che ha lasciato la Fiorentina a parametro zero. “

Diego Tavano: “No, non cambia nulla. Anche se Federico avesse avuto un agente ufficiale, la situazione sarebbe stata la stessa. Sappiamo che i due club non sono in buoni rapporti, prima di lui erano stati arrestati anche Bernardeschi e Roberto Baggio”.

Mario Giuffredi: “Non credo che con un pubblico ministero vicino a Federico Chiesa l’addio alla Fiorentina sarebbe stato più dolce. C’è tanta rivalità tra viola e Juventus, forse tutto questo argomento è dovuto principalmente alla faccia del padre: quindi anche se Federico avesse avuto un agente, non sarebbe cambiato molto ”.

READ  "Non ho visto una Roma che sembra un pareggio, ma bisogna tenere conto dei demeriti della Juve"

Andrea Pastorello: “Non credo che sarebbe cambiato nulla, anzi forse sarebbe potuto saltare con un agente. Suo padre è nel calcio da anni ed è normale che lo aiuti. Ho anche visto che ha sempre ottimi contratti e trasferimenti così buoni per lui. Le polemiche sono spesso gratuite e nulla cambia con o senza un agente “.

Tommaso Urso: “Sarebbe stato sicuramente un addio meno traumatico e più elegante, poiché i tempi e la gestione della comunicazione sarebbero stati diversi. Con un ‘vero’ avvocato, avrebbero potuto completare il trasferimento in modo più agevole. Il trasferimento era inevitabile, più per obiettivi da raggiungere per ragioni economiche Nonostante il tifoso bianconero non digerisca la Juve, sono certo che con un agente vicino al giocatore l’addio sarebbe stato meno criticato dai tifosi viola. “

Matteo Materazzi: “Non credo sarebbe cambiato nulla, anche perché c’era suo padre che era l’agente di Federico. Se torniamo a qualche anno fa, anche con Bernardeschi, che aveva un agente in ai suoi lati, lo stesso è accaduto con la disputa dei tifosi della Fiorentina. Idem anche prima con la cessione di Roberto Baggio “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *