Ucraini arrabbiati con l’Oscar per il film di Navalny: ‘Docu trabocca di politica interna russa’ |  Oscar

Ucraini arrabbiati con l’Oscar per il film di Navalny: ‘Docu trabocca di politica interna russa’ | Oscar

La pellicola Navalny ha ricevuto l’Oscar per il miglior documentario domenica sera. Le reazioni in Russia sono piuttosto moderate. In Ucraina sputano fuoco.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato ieri di non aver visto il film del regista canadese Daniel Roher. Non posso giudicare la sua qualità. Tuttavia, oso dire che qui c’è un certo elemento di politicizzazione dell’argomento”, ha detto un Peskov piuttosto moderato.

La pellicola Navalny mostra la vita del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny da quando è stato avvelenato a Tomsk nell’agosto 2020, a quando è tornato in Russia da Berlino sei mesi dopo. Lì, il politico è stato immediatamente arrestato al suo arrivo e condannato ad anni di carcere, che attualmente sta scontando nella regione di Vladimir, a est di Mosca.

Il più grande critico di Putin

Navalny è il principale critico del presidente Vladimir Putin, che si rifiuta costantemente di nominare il suo avversario. I parenti di Navalny, tutti fuggiti dalla Russia, nelle ultime settimane hanno lanciato l’allarme per le condizioni di salute del leader dell’opposizione. Secondo quanto riferito, gli sono state negate le medicine e ha subito una qualche forma di “tortura mentale”.

Maria Pevchich, il braccio destro di Navalny, ha pubblicato una foto piuttosto compiaciuta di se stessa con in mano la premiata statuetta d’oro. “Abbiamo appena vinto gli Oscar. Bellissimo. Navalny libero”, ha scritto. Il che porta l’ucraina Viktoria a commentare: “Non volevo così tanto colpire una donna in faccia dai tempi di Skabeyeva e Simonyan”, riferendosi a due propagandiste per la televisione russa.

READ  Nel 2021 il calendario "speciale" dei vigili del fuoco australiani in omaggio agli eroi degli incendi che hanno devastato la nazione

Trova il “buon russo”

Il commento ucraino illustra il rapporto difficile (per non dire “ostile”) che molti ucraini hanno con l’opposizione russa a Putin, che in definitiva è il loro nemico comune. Ma in Ucraina, dove la Russia sta portando avanti da più di un anno una cosiddetta “operazione militare speciale”, uccidendo decine di migliaia di persone, l’Oscar per “Navalny” ha incontrato molta resistenza. Tenore generale della critica ucraina: l’Occidente insiste nel trovare il “buon russo”.

I creatori di 'Navalny' ricevono un Oscar.
I creatori di ‘Navalny’ ricevono un Oscar. © Chris Pizzello/Invision/AP

“Se l’Oscar è fuori dalla politica, come dovremmo fare il documentario Navalny Capisci, chi è straripante di politica interna russa?”, ha chiesto Mykola Podoljak, consigliere del presidente ucraino Volodimir Zelensky, su Twitter. “Se l’Oscar esce dal contesto della guerra in Ucraina e del genocidio di massa degli ucraini, perché parli costantemente umanesimo e giustizia?

Anche il discorso della moglie di Navalny, che ha ricevuto l’Oscar con i loro due figli, non è stato ben accolto in Ucraina. “Mio marito è solo in prigione perché ha detto la verità e difende la democrazia”, ​​ha detto Yulia Navalnaya durante la cerimonia. Ma non una parola sullo spargimento di sangue in Ucraina.

La moglie di Navalny ha una piattaforma

“Logica interessante da parte degli organizzatori dell’Oscar”, ha scritto su Twitter l’avvocato ucraino Mykola. A Zelensky è stata negata l’opportunità di parlare. Allo stesso tempo, la moglie di Navalny, un politico russo che ha rifiutato pubblicamente l’opportunità di restituire la Crimea occupata all’Ucraina, ha ricevuto una piattaforma”.

READ  Il presidente ucraino Zelensky annuncia nuove sanzioni e ringrazia gli alleati occidentali

Il giornalista ucraino Ostap Yarysh apre quindi un altro thread su Twitter, in cui spiega che Navalny non è certo lo spirito liberale e benpensante per cui è preso in Occidente. “È contro la guerra (in Ucraina, ndr)? Dice di sì. Ma rifiuta l’approccio coloniale e l’idea della superiorità e del dominio russi sulle altre nazioni? Assolutamente no. Ed è una cosa da tenere a mente”.

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *