Un altro tentativo con il razzo lunare della NASA, perché ci vuole così tanto tempo?

Un altro tentativo con il razzo lunare della NASA, perché ci vuole così tanto tempo?

NASA

Notizie ONS

  • Ivor Landmann

    redattore in linea

  • Ivor Landmann

    redattore in linea

Ora che l’uragano Nicole ha resistito, la NASA è pronta per il prossimo tentativo di lancio del razzo Artemis. Domani mattina alle 07:04 ora olandese, ovvero entro due ore, il colosso verrà inviato sulla luna.

Almeno, se questa volta funziona. Questo è il terzo tentativo da agosto e il ritardo si aggiunge ad anni di ritardi nella costruzione dello Space Launch System (SLS), come viene ufficialmente chiamato il razzo Artemis.

Perché ci vuole così tanto tempo? Negli anni ’60, un tipo simile di razzo lunare (Saturn V) fu costruito e testato nel giro di pochi anni, utilizzando una tecnologia all’epoca completamente nuova. La NASA ha lavorato con SLS dal 2010 e con la capsula Orion in cima al razzo dal 2006. Cosa c’è di così diverso adesso?

Non puoi semplicemente confrontare i due razzi lunari, avverte la storica dei viaggi spaziali Jennifer Levasseur. “Potrebbero basarsi sulla loro esperienza con i razzi negli anni ’60, ma non sulla tecnologia esistente, come fanno ora”. La sfida ora è riunire vecchie e nuove tecnologie. L’SLS utilizza gli stessi motori e booster dello Space Shuttle. “Sappiamo come funzionano. La domanda è come metterli insieme”.

Il fatto che mettere insieme le cose richieda così tanto tempo è dovuto a qualcos’altro: i soldi. Il budget per il progetto Apollo era quasi illimitato a metà degli anni 1960. Gli Stati Uniti dovevano e avrebbero vinto la corsa alla luna contro l’Unione Sovietica. “Sono stati spesi molti soldi per sviluppare il razzo Saturno per fare quello che doveva fare. La pressione per raggiungere questo obiettivo era alta”.

READ  Inter-Brozovic, incontro dopo Supercoppa: il rinnovo mai così vicino | Prima pagina

Significava anche che la NASA era disposta a correre grandi rischi. Anche dopo un volo di prova senza equipaggio tutt’altro che perfetto, la prima missione con astronauti a bordo, l’Apollo 8, è andata dritta sulla luna. “Non corrono più questo tipo di rischi. La NASA ha imparato dalle tragedie dello space shuttle”, dice Levasseur. “Ecco perché ora ci sono test infiniti. Hanno imparato a prendersi il loro tempo e ad essere pazienti. Ecco perché i ritardi sono in realtà una buona notizia.”

Capannone troppo grande

Per inciso, neanche la costruzione del razzo Saturno è andata bene, ricorda l’esperto di viaggi spaziali Ronald Klompe. Alla fine è esploso uno stadio del razzo e c’erano preoccupazioni anche per i motori del secondo stadio, che si sono rivelati instabili. “La differenza è che allora avevano i soldi per sacrificarne alcuni per scoprire dov’era il problema”.

Con SLS, i problemi hanno richiesto molto più tempo negli ultimi anni. Un’enorme stazione di saldatura era fuori uso e doveva essere ricostruita, un coperchio del serbatoio è caduto ed è stato danneggiato, e il missile è stato riprogettato per adattarsi all’enorme hangar.

Ogni problema costava mesi di ritardo, anche perché non c’era un budget aggiuntivo per la SLS per risolvere i problemi. “Hanno dovuto farlo con le stesse risorse preventivate”, afferma Klompe. “Quindi ottieni automaticamente un rinvio.”

Nella foto tre importanti missioni del Progetto Apollo:

La rigida disciplina di bilancio spiega anche in parte le preoccupazioni relative al lancio. Uno speciale modello di prova era stato costruito per il Saturno e messo in pratica per mesi prima che il primo vero razzo lunare Apollo uscisse dall’hangar. Non esisteva un tale modello di test per SLS. Troppo caro. “La prima volta che il razzo lunare è stato portato sulla piattaforma di lancio è stata anche la prima volta che è stato possibile esercitarsi nella procedura di lancio”, spiega Klompe. “Ecco perché sono apparsi immediatamente tutti i tipi di trammelismi.”

READ  F1 | GP di Gran Bretagna 2021, PL2: Verstappen davanti alle Ferrari - Live

Apollo e Artemide hanno una cosa in comune, osserva Levasseur: il ruolo dell’opinione pubblica. C’era un enorme entusiasmo per il programma lunare negli anni ’60, ma c’erano anche molti disordini politici. “Ora ci stiamo tornando, e le persone hanno gli stessi sentimenti contrastanti: perché stiamo spendendo soldi per questo quando abbiamo tutti questi problemi? Cosa realizzerà Artemis? La NASA dovrà venderlo meglio.” spiega Levasseur. Anche se vede anche un punto luminoso. “C’è molto entusiasmo tra i giovani per i viaggi nello spazio, il che aiuta”.

Per domani, spera che Artemis 1 possa finalmente andare nello spazio. “Al primo tentativo non ero sicuro che fossero pronti, ma ultimamente sto ricevendo segnali positivi. Sembra che tutto stia iniziando a tornare, anche se c’è sempre la possibilità di un nuovo rinvio. La NASA non prende ogni opportunità.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *