Un tentativo di risarcire rapidamente i genitori beneficiari si conclude con un fallimento

Un tentativo di risarcire rapidamente i genitori beneficiari si conclude con un fallimento

Genitori abbindolati in tribuna d'onore durante un dibattito alla Camera dei Deputati sul caso degli assegni Image ANP

Genitori ingannati in tribuna d’onore durante un dibattito alla Camera dei Rappresentanti sul caso delle indennitàFoto dell’ANP

All’inizio del processo alla fine di giugno, i partecipanti sono stati informati che il processo avrebbe richiesto circa dieci settimane. Non solo quel termine si è rivelato impraticabile, ma anche il confronto aperto con il governo che era stato preventivamente promesso non ha avuto luogo, secondo le testimonianze di diversi partecipanti e documenti che di Volkskrant realizzato. In molti casi, il governo è disposto a risarcire solo una frazione del danno che i genitori affermano di aver subito, secondo le risposte del procuratore distrettuale inviate questa settimana.

Dietro le quinte del ministero, sembra che le aspettative potessero essere troppo ottimistiche in anticipo, ma un portavoce del ministero delle Finanze non è disposto a confermarlo. “Parliamo sempre con i genitori”, è la sua unica risposta.

L’anno scorso si era auspicato che l’accordo transattivo (vso) avrebbe accelerato l’operazione di recupero della causa di benefici. Inoltre, un genitore, assistito da un avvocato specializzato in lesioni personali, e funzionari governativi si sarebbero accordati dopo alcuni colloqui su un importo di compensazione finanziaria, con il quale il genitore potrebbe “andare avanti”. Tale VSO è un accordo legalmente valido che viene spesso applicato anche nei casi di licenziamento o nella liquidazione dei sinistri per lesioni personali in un incidente stradale.

Nesso causale non dimostrabile

La partecipante Jyoti Weststrate ha dichiarato ottimisticamente a luglio che sperava di poter tornare presto ad allenarsi grazie a un tale VSO. Nel 2010, ha abbandonato il college a causa, dice, di problemi di rimborso delle tasse. Il suo avvocato specializzato in lesioni personali ha calcolato un importo di 40.000 euro di danni.

Il pubblico ministero gli ha scritto in settimana che non si può dimostrare un nesso di causalità tra il caso delle indennità e il suo studio, a suo tempo interrotto. Il suo danno non supererebbe i 5.400 euro – oltre ai 30.000 euro che aveva già ricevuto dopo essere stata classificata come una truffa. “Un insulto”, dice Weststrate. Non solo la quantità. Ma anche il fatto che contestino che io abbia interrotto gli studi per la vicenda delle indennità. Ciò che è ancora più cinico, dice, è che le richieste che l’avvocato per lesioni personali ha presentato per la valutazione del suo caso sono significativamente superiori all’importo che le viene attualmente offerto.

Battaglia legale

“Il vso è diventato una battaglia legale, un lavoro di smistamento dettagliato, che non era l’intenzione”, dice l’avvocato (non avvocato specializzato in lesioni personali) Khadija Bozia di due partecipanti al vso. “Si era detto in anticipo che il risarcimento sarebbe stato generoso e che i presunti danni dovevano essere resi plausibili in base alla storia dei genitori. Ma ora si scopre che è il contrario. Bozia annuncia che andrà in tribunale civile, che secondo lei assegnerà a queste vittime più soldi del governo.

Un’altra partecipante al processo, Derya Selvi, è stata informata questa settimana dall’avvocato dello stato che non c’era alcun nesso causale da dimostrare tra il caso di benefici e la sua più grande richiesta: la vendita forzata della sua casa nel 2014, “ben al di sotto del valore di mercato”. ‘. In precedenza, aveva sentito dai funzionari che i danni sarebbero stati inclusi. “Siamo stati ingannati”, dice Selvi. “Più soldi vanno agli avvocati e ai periti statali che a noi”.

Anche una terza partecipante, che non vuole che il suo nome appaia sul giornale, parla del suo disappunto per l’atteggiamento del governo. “Chiedono innanzitutto molte prove, quando ci è stato detto in anticipo che non sarebbe stato così. I genitori sarebbero stati al centro di questo processo, ma noi siamo spinti in un angolo.

READ  I lavoratori americani di Apple votano per formare il primo sindacato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *