Un’altra sconfitta legale per Trump

Sabato un giudice federale degli Stati Uniti respinto l’ennesima causa intentata dal comitato elettorale del presidente uscente Donald Trump. Quindi quello che era in realtà l’ultimo vero tentativo di ribaltare il risultato delle elezioni in Pennsylvania è stato annullato. Le speranze già remote dei repubblicani di cambiare qualcosa nell’esito delle elezioni del 3 novembre, vinte dal candidato democratico Joe Biden, sono ulteriormente svanite. Non c’è dubbio che Biden entrerà in carica il 20 gennaio.

La causa sull’esito delle elezioni in Pennsylvania è stata particolarmente importante, tanto che l’avvocato personale di Trump, Rudy Giuliani, era comparso in tribunale per la prima volta in 28 anni per sostenerla. Ma il giudice Matthew Brann, anche lui repubblicano, ha respinto quella che credeva essere una richiesta di ribaltamento di quasi 7 milioni di voti, cioè tutti quelli espressi in Pennsylvania, sulla base di affermazioni generiche. e irregolarità non dimostrate. Il comitato Trump aveva citato errori nell’elaborazione dei voti per corrispondenza, citando in particolare il fatto che in alcuni paesi a maggioranza democratica gli elettori che hanno inviato schede potenzialmente non valide (il voto per corrispondenza non è complicato ma alcuni passaggi devono essere seguiti con precisione) sono stati avvertiti in modo che possano essere ricompilati correttamente. Secondo il comitato Trump, lo stesso non era stato fatto in altre contee a maggioranza repubblicana, e quindi sarebbe stato violato il principio costituzionale che tutela l’uguaglianza dei voti.

“Ci si può aspettare che quando si cerca di ottenere un risultato così impressionante, si arriva a un processo sostenuto da argomenti legali convincenti e prove evidenti di corruzione diffusa. Non è stato così “, ha scritto Brann, spiegando le ragioni della sua decisione. Le accuse erano “forzate, senza fondamento e speculative”, ha aggiunto, “e senza prove”.

READ  dati del Ministero della Salute

Pat Toomey, senatore repubblicano della Pennsylvania, ha affermato che dopo la sentenza del processo, “il presidente Trump ha esaurito tutte le opzioni legali” per contestare il risultato delle elezioni statali, confermando così che “Joe Biden ha vinto il Elezioni 2020 “. congratulandosi con lui e il futuro vicepresidente Kamala Harris e chiedendo a Trump di accettare il risultato elettorale, per “unificare il Paese”. Trump ha risposto su Twitter, dicendo di Toomey: “Non è mio amico”. Giuliani ha spiegato di considerare positivo il rigetto del caso, perché sta accelerando i passi che lo porteranno in Cassazione: in realtà, non è affatto certo che ci giunga un caso ritenuto così infondato.

– Leggi anche: La politica estera di Macron messa alla prova

La sentenza del tribunale ha dato il via libera alla certificazione del risultato in Pennsylvania, che si aggiungerà ad altri stati che hanno già ufficializzato il vincitore, compresa la Georgia (la stragrande maggioranza non l’ha ancora fatto). Con i primi 20 elettori della Pennsylvania vinti da Biden con oltre 80.000 voti, le già scarse possibilità che il risultato delle elezioni cambi in un modo o nell’altro diventeranno ancora più irrealistiche. Ma in ogni caso, anche nel caso in cui il processo ribaltasse il risultato elettorale in Pennsylvania, Trump dovrebbe invertire il risultato del voto in altri stati per raggiungere i 270 maggiori elettori necessari per rimanere presidente.

Trump, tuttavia, deve ancora dare segni di rassegnazione a perdere, e anzi continua a dire di essere fiducioso di poter invertire il risultato. Ma non sappiamo come. In video collegamento con i vertici del G20, secondo una registrazione ascoltata da Custode, avrebbe detto: “È stato un onore lavorare con voi”, aggiungendo “Non vedo l’ora di farlo da molto tempo”. Dopo i numerosi fallimenti giudiziari accumulati nelle ultime due settimane, Trump sta compiendo quello che sembra essere un ultimo, disperato tentativo di persuadere gli stati a guida repubblicana in cui Biden ha vinto con margini più stretti a non certificare il risultato. Tuttavia, non sembra avere possibilità di successo. I rappresentanti dei legislatori del Michigan, appositamente invitati alla Casa Bianca, hanno già detto che non lo faranno.

READ  Alexei Navalny, l'avversario di Putin è tra la vita e la morte: ipotesi di avvelenamento. Francia e Germania: "Disposti a offrire cure e asilo"

– Leggi anche: La falce che tiene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *