Usa, Trump nomina Barrett alla Corte Suprema invece che a Ginsburg

Il presidente Donald Trump ha nominato il giudice della Corte suprema Amy Coney Barrett, come da programma, al posto di Ruth Bader Ginsburg, l’icona liberale morta 8 giorni fa all’età di 87 anni, 27 dei quali erano tra le nove togate del massimo organo giudiziario. STATI UNITI.

L’udienza in Senato per la conferma del Amy Coney Barrett alla Corte Suprema con le sue prime dichiarazioni. Secondo il programma circolante del Senato, il primo turno di interrogatorio del Senato per Barrett inizierà il 13 ottobre e proseguirà il 14 con la seconda metà. È prevista una sessione a porte chiuse con testimoni esterni il 15 ottobre. L’obiettivo dei repubblicani è ottenere il via libera prima delle elezioni del 3 novembre.

Nel suo discorso, Donald Trump nomina i sette figli di Amy Coney Barrett, 48 anni, che erano presenti alla cerimonia di nomina a giudice della Corte Suprema alla Casa Bianca: “Grazie per aver condiviso la tua straordinaria mamma con il nostro Paese ”, ha dichiarato. il presidente americano.

Il candidato democratico alla Casa Bianca Joe Biden ha chiesto al Senato di non confermare la conferma di Amy Coney Barrett alla Corte Suprema in vista delle elezioni presidenziali del 3 novembre. Il discorso dell’ex vicepresidente alla cerimonia di nomina di Barrett era ancora in corso alla Casa Bianca.

Amy Coney Barrett dedica le sue prime parole come giudice designato dalla Corte Suprema all’icona liberale tarda Ruth Bader Ginsburg: “Ha frantumato diversi soffitti di vetro”, ha detto Barrett, un cattolico conservatore di nascita. Barrett ha anche ricordato il giudice costituzionale Antonin Scalia, di cui era discepola. “Il compito di un giudice – dice – è applicare la legge così come è scritta”

READ  Le ultime notizie sull'emergenza Coronavirus nel mondo: il contagio e l'evoluzione della situazione in ogni Paese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *