Vaccini Covid, Pfizer: 75 milioni di dosi aggiuntive in Europa. UE: 70% vaccinato in estate

Roma, 1 febbraio 2021 – In attesa dell’incontro di oggi tra governo e regioni per rimodellare il file piano di vaccinazione per colpa di ritardi nella produzionee dopo l’approvazione del partito AstraZeneca farmaco Aifa, più adatto ai minori di 55 anni, il Pfizer-BioNTech assicura l’UE 75 milioni di dosi aggiuntive del suo vaccino per il secondo trimestre di quest’anno. Inoltre, anche il colosso farmaceutico è entrato nella corsa alla produzione di vaccini. Bayer, che produrrà il file Vaccino CureVac, una società tedesca di biotecnologia.

Covid, bollettino del 1 ° febbraio. Dati coronavirus Italia e regioni

Vaccino Pfizer, 75 milioni di dosi aggiuntive per l’UE

“Stiamo lavorando con aziende farmaceutiche per garantire la consegna di vaccini agli europei. Pfizer-Biontech per fornire 75 milioni di dosi più nel secondo trimestre dell’anno e fino a un totale di 600 milioni di dosi nel 2021 “, è l’annuncio fatto dal Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, su Twitter. Intendono anche la società farmaceutica americana Pfizer e il suo partner tedesco BioNTech aumentare le consegne dalla settimana del 15 febbraio rispetto quindi la quantità di dosi a cui si è impegnata nel primo trimestre. Si tratta di una buona notizia per l’UE, che nel lancio delle campagne di vaccinazione ha subito un rallentamento a causa dei problemi di produzione registrati anche da BioNTech-Pfizer, ma soprattutto dal gruppo farmaceutico anglo-svedese AstraZeneca. Ad oggi, nel tentativo di affrontare i problemi di approvvigionamento, la Commissione europea venerdì ha adottato nuove misure che potrebbero limitare l’esportazione di vaccini Covid-19 al di fuori dell’UE.

Bayer produrrà il vaccino CureVac dal 2022

Anche la produzione di vaccini, che oggigiorno ha dei limiti, sta guadagnando terreno Azienda farmaceutica multinazionale tedesca Bayer: produrrà il vaccino anti-Covid sviluppato dai connazionali di CureVac, dal 2022. Bayer, che il 7 gennaio ha annunciato l’inizio della partnership con la società biotecnologica tedesca, punta a raggiungere la produzione di 160 milioni di dosi nel 2022. “Sono lieto di annunciare che abbiamo le condizioni necessarie per produrre il Vaccino mRNA CureVacLa conferma è arrivata anche dal CEO di CureVac Franz-Werner Haas in una conferenza stampa con il ministro Jens Spahn, ha affermato Stefan Oelrich, CEO di Bayer Pharmaceuticals.

READ  tante novità interessanti nel 2021

Dosi per il 70% vaccinate in estate

Nel secondo trimestre “arriveranno nell’UE dosi sufficienti per raggiungere il Il 70% dei vaccinati entro l’estate, come previsto “, riferisce Sandra Gallina, Direttore della Direzione Sanità della Commissione Europea. Sono attesi trecento milioni di dosi che ammonterà a cento milioni nel primo trimestre. In totale, possono immunizzare 200 milioni di europei.
Inoltre, i due nuovi contratti da sottoscrivere contribuiranno all’aumento delle dosi nel secondo trimestre Novavax e Valneva e aumentando la capacità di produzione di BioNTech che “avvierà presto altri due stabilimenti produttivi in Germania e un’altra in Austria “, ha spiegato Gallina. Da un nuovo contratto” sono previste 75 milioni di dosi aggiuntive nel primo trimestre “, ha annunciato l’alto funzionario Ue senza specificare quale azienda farmaceutica.

Germania: vaccino per tutti nel terzo trimestre

Angela Merkel assicura i tedeschi: “Alla fine del terzo trimestre potremo offrire un vaccino a tutta la popolazione”. Il Cancelliere ha sottolineato che potrebbero esserci anche eventi imprevisti.

immagine

Boccia: l’Italia prima nell’Ue per le vaccinazioni

“A quel tempo in Italia erano amministrati 2 milioni di dosi del vaccino, con più di 620.000 vaccinati in via definitiva che hanno già richiamato; siamo il primo paese in EuropaLa Germania ha circa 400.000 vaccinati permanentemente. Queste sono ovviamente le primissime cifre, questo è solo un punto di partenza ma dà la sensazione che con i vaccini a disposizione il nostro Paese abbia fatto tutto il possibile; è comunque ovvio che quando esiste un programma europeo di tale portata, le cifre devono essere rigorosamente rispettate dalle aziende manifatturiere che hanno firmato contratti con la Commissione Europea ”, ha sottolineato il Ministro degli Affari Regionali e delle Autonomie, Francesco Boccia, su Radio Immagina del Pd.

READ  come funziona e come può essere percepito

Bollettino Covid Italia del 31 gennaio

ECDC: monitoraggio delle vaccinazioni stato per stato dell’UE

Nuovo Strumento “Vaccine trace” dal Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (ECDC), risulta che l’Italia ha ricevuto un totale di oltre 1,8 milioni di dosi di vaccino attraverso l’UE, di cui 1,4 milioni sono state somministrate. L’Italia è la prima per le dosi distribuite, ma mancano dati dalla Francia, così come alcuni parametri da Germania, Finlandia e altri. Dosi distribuite in Italia la percentuale degli abitanti è 3,6 (5,4 in Olanda; 6,1 in Danimarca; fino all’11,8 in Irlanda). Il 2,5% degli italiani ha ricevuto la prima dose, 2,6% tedeschi, 11,5% irlandesi.

Dal nuovo strumento “tracce vaccinali” del Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc), risulta che l’Italia ha ricevuto un totale di oltre 1,8 milioni di dosi di vaccino attraverso l’UE, di cui 1, 4 milioni sono state somministrate. L’Italia è la prima per le dosi distribuite, ma mancano dati dalla Francia, così come alcuni parametri da Germania, Finlandia e altri. Le dosi distribuite in Italia per cento abitanti sono 3,6 (5,4 nei Paesi Bassi; 6,1 in Danimarca; fino a 11,8 in Irlanda). Il 2,5% degli italiani ha ricevuto la prima dose, il 2,6% dei tedeschi, l’11,5% degli irlandesi.

immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *