Valentino Rossi "miracoloso": la moto di Zarco lo tocca dopo un incidente con Morbidelli. "Il rischio più grande della mia vita, sono scosso"

Valentino Rossi “miracoloso”: la moto di Zarco lo tocca dopo un incidente con Morbidelli. “Il rischio più grande della mia vita, sono scosso”

UN spaventoso incidente, la bici “pazza” che tocca Valentino Rossi e Maverick Vinales, Franco Morbidelli in ospedale per controlli ma sempre cosciente e in grado di muoversi sulle gambe. Nono round del GP d’Austria di MotoGp: Johann Zarco sulla Ducati del Team Avintia ‘travolge’ Morbidelli sulla Yamaha Petronas in pieno rettilineo a 300 chilometri orari e tu tocchi il dramma.

Il pilota italiano rotola più volte a terra, la sua moto tira dritta e attraversare la pista tocca Vinales, mentre la due ruote di Zarco inizia a torcersi su se stessa come “Crazed” e taglia il file itinerario toccando Valentino Rossi. L’impatto o non l’impatto è questione di centimetri e il nove volte iridato non avrebbe potuto fare nulla per evitarlo. La moto di Zarco scivola sulla traiettoria di Rossi qualche centesimo di secondo prima che arrivi la Yamaha del 40enne Tavullia.

“Penso che fosse il il rischio più grande della mia carriera, è stato un momento molto pericoloso ”, è stato il suo commento. “Avevo tanta paura, sono scosso. Riprendere la gara è stata dura “, ha aggiunto. “Il santo dei motociclisti ha fatto un ottimo lavoro”Lui continuò. Quindi Rossi ha stigmatizzato duramente il comportamento del pilota francese, perché “si sta perdendo il rispetto per gli avversari”. Zarco “non è nuovo a queste cose, è andato apposta per frenare davanti a Morbidelli per danneggiarlo ”.

Paura e niente di più, Fortunatamente. Ma la domenica austriaca ha rischiato di trasformarsi in un dramma. Ad avere la peggio è stato Morbidelli, sempre cosciente e capace di muoversi autonomamente, ma dolorante. Il pilota è stato portato via ambulanza e sottoposto a a tac. La gara, sospeso per una decina di minuti, si riprende quindi con il fermo immagine 20 giri portare fuori: l’obiettivo finale era Andrea Dovizioso venire prima davanti a Me e Mugnaio.

READ  Alexei Navalny, l'avversario di Putin è tra la vita e la morte: ipotesi di avvelenamento. Francia e Germania: "Disposti a offrire cure e asilo"

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

MotoGp, Vinales conquista la pole nel GP d’Austria. Seguono Miller e Quartararo. Dovizioso quarto, Rossi solo dodicesimo

Il prossimo


Articolo successivo

Andrea Dovizioso vince in Austria davanti a Mir e Miller. Rossi è 5 ° dopo essere stato toccato dalla pazza moto di Zarco

Il prossimo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *