Vincitore di The Perfect Picture: “Non ha sempre inviato la foto migliore” |  ADESSO

Vincitore di The Perfect Picture: “Non ha sempre inviato la foto migliore” | ADESSO

L’edizione speciale di viaggio di L’immagine perfetta, girato in Argentina, è stato vinto da Maurice Lede. la vecchia 3 ViaggioIl presentatore afferma in una conversazione con NU.nl di non aver sempre presentato alla giuria il suo miglior lavoro in seguito. Queste foto saranno presto esposte al pubblico.

Le foto di Lede saranno esposte al Museo Hilversum. Il vincitore potrà esporre i lavori prodotti per il programma e potrà anche scegliere le foto che alla fine non sono state presentate alla giuria. “Poi hai scelto la foto A, per esempio, in tempi stretti, ma ora che vedo B, penso: in realtà è molto più bella”, dice Lede.

“È fantastico che tu possa vederlo in grande e raccontare la storia con esso. Scegliere questo sarà un processo lungo, ma forse scoprirò un filo conduttore e il mio stile”.

Il presentatore spiega che è ancora piuttosto alla ricerca del suo stile fotografico. “Mi piace molto la fotografia documentaristica, mi piace uscire con le persone”.

“Quello che mi piace davvero è creare un set che nasce da un concetto immaginato e che puoi preparare completamente. In modo che devi solo premere il pulsante. Spero che con le mie foto racconti una storia, che le persone mi vedano come un fotografo come narratore”.


“Ho sbagliato tutto”

Il membro sa da un mese di essere il vincitore L’immagine perfetta può chiamare. La missione finale è stata registrata in Argentina qualche tempo fa. È stato solo in studio nei Paesi Bassi che il presentatore e co-finalista Jochem van Gelder ha sentito alcune settimane fa il cui lavoro è stato giudicato il migliore dalla giuria. Il cantante Thomas Berge si è ritirato all’inizio dello show.

READ  Emma toglie il fiato, suo padre ha sempre vissuto la malattia con il sorriso - Corriere.it

La partecipazione alla fiera della fotografia RTL era da tempo nella lista dei desideri di Lede. La fotografia era qualcosa che gli interessava, ma non conosceva cappello e tesa. “Negli ultimi anni ho visitato così tanti posti meravigliosi, che volevo anche catturare. Così ad un certo punto ho comprato una macchina fotografica, ho ruotato alcuni pulsanti ed è uscita una foto. Ora, lo so: ho sbagliato tutto. , ahah.”

Prima delle registrazioni, Lede e i suoi compagni candidati (oltre a Van Gelder e Berge anche, tra gli altri, Daphne Bunskoek, Tim den Besten e Roxanne Kwant) hanno ricevuto alcuni giorni di formazione. Spiega le complessità della fotografia. Lede: “Solo allora ho imparato a conoscere la velocità dell’otturatore, la luce e la post-elaborazione e ho iniziato a capire davvero la teoria”.

Lede non ha stimato le proprie possibilità di vincere molto in alto. “Ma in realtà sono un fanatico del sangue. Per lo più ho cercato di divertirmi, ma a volte ho notato che quella piccola scorza dentro di me stava tornando. Poi ho dovuto davvero frenare”.

Jochem van Gelder sulla sua bici, fotografato da Lede.


Jochem van Gelder sulla sua bici, fotografato da Lede.

Jochem van Gelder sulla sua bici, fotografato da Lede.

Foto: RTL

Un’enorme bolla fotografica

A differenza delle stagioni precedenti, L’immagine perfetta questa volta registrato nel giro di poche settimane. Normalmente le iscrizioni richiedono mesi, si svolgono nei Paesi Bassi e i candidati non sono coinvolti nel programma a tempo pieno. “Eri così preso adesso”, dice Lede di questa edizione speciale.

“Eravamo in un’enorme bolla fotografica, con tutti i tipi di brave persone che volevano trarne il massimo. Davvero un una volta nella vita-abitare. Penso che mi piaccia di più che se devi fare i compiti spalmati su un anno. La giuria ha affermato che questo è il motivo per cui è stato molto più difficile per noi, quindi sono orgoglioso di ciò che abbiamo ottenuto in così poco tempo”.

READ  "L'ex marito e i figli adolescenti sono profondamente preoccupati per la salute mentale di Britney" | Stelle

Qual è la foto di cui Lede è più orgoglioso? “Molto onesto: vorrei inquadrare molte foto, ahah. Mi sono piaciute molto le foto della missione finale, perché anche io ne sento molte. E la foto con Jochem è risultata molto bella. Era così esilarante lui in quel vestito nero attillato dover continuare ad andare in bicicletta mentre le zanzare lo pungevano e gli ho quasi dato fuoco abbiamo riso così tanto e poi è uscita una foto come questa.

In ogni caso, Lede non sta ancora riattaccando davanti alla telecamera. “Sono appena tornato da alcuni giorni nel nord della Francia in motocicletta e la fotocamera è venuta con me. Ora scatto foto molto migliori”, dice l’ospite.

“Sai meglio a quale ora del giorno vengono prodotte le foto più belle e come guardi la luce, per esempio. Noto anche che mi piace mostrare a chi mi sta intorno e ai miei follower come vedo il mondo. La fotografia mi ha dato e io voglio esplorare, sono davvero diventato un fotografo amatoriale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *