Vingegaard vincitore del Critérium du Dauphiné, il fuggitivo Ciccone vince l’ultima tappa

Domenica 11 giugno 2023 alle 14:37

Jonas Vingaard può definirsi il grande vincitore della 75a edizione del Critérium du Dauphiné. Il danese non ha avuto problemi nella difficilissima tappa finale e ha dimostrato ancora una volta chi è il padrone della corsa a tappe francese in finale. Tuttavia, Vingaard ha mancato di poco la vittoria di tappa quando è tornato contro Giulio Ciccone in fuga.

Leggi anche:

Puoi leggere queste storie nella nuova edizione Tour della rivista RIDE

L’organizzazione del Critérium du Dauphiné aveva lasciato il meglio per ultimo, perché nell’ottava tappa i corridori potevano prepararsi per un percorso molto difficile attraverso le montagne francesi. Ben sei le salite in programma, con il Col du Granier (9,6 km al 8,6%), il Col du Cucheron (7,7 km al 6,2%) e il Col de Porte (7,4 km al 6,8%) come percorso. infuocato razzo a tre stadi. Inoltre, il traguardo di Grenoble è stato tracciato nella salita a La Bastille. È un “muro” orribilmente ripido di 1,8 chilometri con una media del 14,2%!

Solido gruppo frontale con il re della montagna Campenaerts e il festeggiato Alaphilippe
Nella fase iniziale di questa fase molto difficile, c’è stata una battaglia di attacchi a pendolo, e anche i leader non hanno lasciato il segno. Di Richard Carapaz Julian Alaphilippe, Giulio Ciccone e Attila Valter hanno attaccato diversi top player, ma questi primi tentativi di attacco sono stati rapidamente stroncati sul nascere. Anche Victor Campenaerts è stato molto attivo nella fase di apertura. Il belga di Lotto Dstny ci teneva particolarmente ad assicurarsi la sua maglia da montagna oggi, è stato il primo a salire il Col de Pinet e il Col des Mouilles di seconda categoria e si è dimostrato anche l’istigatore di un gruppo di testa di nove corridori in totale.

Victor Campenaerts in attacco – foto: Cor Vos

Campenaerts è stato affiancato da Alaphilippe (Soudal Quick-Step), Ciccone (Trek-Segafredo), Clément Champoussin (Arkéa-Samsic), David De La Cruz (Astana Qazaqstan), Franck Bonnamour (AG2R Citroën), Tiesj Benoot (Jumb0-Visma) , Ivo Oliveira e Matteo Trentin (Emirati Arabi Uniti). Il gruppo, guidato dagli uomini di BORA-hansgrohe, si è lasciato andare, anche se il distacco è stato mantenuto entro due minuti. Per quello? A causa della presenza di Julian Alaphilippe di un anno nel gruppo di testa: il francese ha iniziato la giornata settimo in classifica, a soli 3’48 dal leader Jonas Vingaard.

READ  Sport Kort: UEFA: ancora nessuna decisione sulla partecipazione dei calciatori russi all'Europeo | sport

Il gruppo di testa esplode al Col du Granier
Verso i piedi del Col du Granier, il vantaggio dei primi nove è aumentato di circa tre minuti, tanto che Alaphilippe è scivolato quasi al secondo posto in classifica. La vera finale doveva appena scoppiare, e le prime fessure sono apparse nel gruppo di testa sui fianchi del ripido Granier. Benoot, Alaphilippe e Ciccone si sono subito dimostrati i migliori scalatori nella fuga e si sono allontanati dai loro compagni di volo. Subito dopo, Alaphilippe sembra dissolvere i suoi diavoli solisti, ma viene presto raggiunto da Ciccone, Benoot e Champoussin, che riescono a riconnettersi.

Nel gruppo anche la pula è stata separata dal grano. Guidato da Dylan van Baarle, che ha preceduto il giallo Vingaard, il gruppo dei favoriti ha continuato a diradarsi fino a una trentina. Le cose si sono mosse troppo velocemente per Carapaz, che era andato all’attacco in precedenza, e per il traballante David Gaudu. In cima al Col du Granier, il gruppo dei favoriti è a solo un minuto dal gruppo di testa, dove Benoot è riuscito a sfruttare appieno lo sprint di montagna. Poi ha attraversato a rotta di collo la discesa del Granier fino al Col du Cucheron.

foto: Cor Vos

Spettacolo al Col de Porte
Su questa salita lunga quasi otto chilometri è successo molto poco, anche se abbiamo visto molto da Jonathan Castroviejo. Lo spagnolo era sfuggito al gruppo dei corridori in classifica al Col du Granier ed era riuscito a passare da solo nel gruppo di testa. Ad esempio, abbiamo attraversato la cima del Col du Cucheron non in quattro, ma in cinque. Benoot fu di nuovo il primo a emergere, seguito dai suoi compagni assistenti di volo. Il gruppetto degli inseguitori, sempre guidato da Van Baarle e Valter, prende ora il testimone a quasi due minuti dal vantaggio.

READ  Le dichiarazioni di Mbappé su Giroud

Lo spettacolo (atteso) non si è concretizzato al Col du Cucheron, ma al Col de Porte la gara è stata completamente accesa. Ciccone intuì che stava arrivando il suo momento e gettò la mazza nel pollaio. Alaphilippe è riuscito a unirsi, Benoot, Castroviejo e Champoussin sono dovuti rientrare. Ciccone, però, non era ancora contento della situazione e ha proseguito forte a tre chilometri dalla fine. Questa si è rivelata un’accelerazione eccessiva per Alaphilippe, che ha dovuto chiaramente ritirarsi. Ciccone era scatenato, ma ora sentiva sul collo il fiato caldo delle basette. Tutti erano anche sul ponte dietro i primi.

Ciccone da solo sulla strada per Grenoble
A causa di un’accelerazione di Adam Yates, il gruppo di piloti in classifica è completamente esploso. Solo un pilota è riuscito a tenere il passo del britannico: Vingaard. Era questo il presagio di un duello sulla strada per Grenoble? No, perché verso la cima del Col de Porte la maggior parte degli uomini in classifica, con Jai Hindley, Ben O’Connor e Jack Haig in testa, è riuscita a rimontare. Ciccone intanto doppiava la vetta del Col de Porte. Mezzo minuto dopo, il gruppo con Vingaard e Yates è riemerso. Tra il leader Ciccone e il gruppo dei favoriti è rimasto solo il sorprendentemente forte Antonio Pedrero.

foto: Cor Vos

Ciccone è riuscito a mantenere il suo vantaggio di mezzo minuto nei chilometri di discesa fino all’ultimo carnefice di questo Delfinato: la ripidissima salita finale (media 14%) da Grenoble a La Bastille. L’italiano evidentemente aveva qualcosa da fare, non si è certo fermato sui ripidi fianchi dell’ultima salita, ma doveva comunque temere il ritorno di Vingaard. Il danese era andato all’attacco, inseguendo il cuoco Ciccone, ma quest’ultimo non era più disposto a mangiare il formaggio dal pane. Ciccone è rimasto fuori dalla presa di Vingaard e ha ottenuto una bella vittoria di tappa.

READ  Il capriccio di Christian Eriksen fa esplodere lo stadio in un duello con Weghorst

Il danese ha quindi mancato una terza vittoria di tappa, ma si è assicurato la vittoria assoluta. Il danese sottolinea così il suo ruolo preferito per il prossimo Tour de France. Vingaard è stato affiancato sul podio finale del Critérium du Dauphiné da Adam Yates (2°) e Ben O’Connor (3°).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *