“I parchi eolici disturbano la crescita del plancton e quindi la catena alimentare nel Mare del Nord” |  interno

“I parchi eolici disturbano la crescita del plancton e quindi la catena alimentare nel Mare del Nord” | interno

Le turbine eoliche sembrano interrompere la crescita del plancton in alcune aree del Mare del Nord. Ciò rappresenta un rischio per la catena alimentare in mare.I ricercatori lanciano questo avvertimento in un programma scientifico in onda sabato sera Messa a fuoco su ONP 2.

Il fitoplancton costituisce la base della rete alimentare marina, spiega Luca van Duren, ricercatore senior presso l’istituto di conoscenza Deltares. Se succedesse qualcosa, potrebbe avere un effetto su tutta la vita nel mare.”Quindi, se stai avendo un impatto negativo in molti luoghi, devi davvero chiederti cosa stai facendo”, dice Van Duren di il programma NTR.

Ci sono anche preoccupazioni per l’effetto dei cavi elettrici sugli embrioni di squali e razze, così come il rumore della trebbiatura di migliaia di nuove turbine. Ma la diffusione dei parchi eolici sta andando molto più veloce della nostra conoscenza di questo impatto ecologico. La ricerca è in ritardo rispetto alle ambizioni? “Sì, ho questa sensazione”, dice Jeroen Hubert, ecologista comportamentale all’Università di Leida.

Da mescolare insieme

A causa della corrente marina lungo i pali su cui sono costruiti i parchi eolici, i diversi strati di acqua di mare fredda e calda si mescolano più del solito. In un punto le alghe ottengono più cibo, ma in altri più limo appare nello strato superiore e inibisce la crescita del plancton.

,,L’angolo tedesco è il nostro bambino problematico”, dice Van Duren. “È qui che personalmente mi preoccupo di più di questo tipo di effetti”. Uno dei generatori di energia della regione è il parco eolico Gemini, a meno di 100 chilometri a nord di Groningen. Il governo tedesco, in particolare, vuole costruire molti più parchi nella regione.

READ  Coronavirus, i dati - 8.085 contagi in 24 ore con 287.000 campioni: il tasso di positività torna a salire al 2,8%. 201 altri decessi

Mulini a vento in costruzione al largo dell'Aia e Scheveningen.
Mulini a vento in costruzione al largo dell’Aia e Scheveningen. © ANP/ANP

Anche la costruzione di migliaia di chilometri di cavi elettrici per portare l’elettricità verde a terra non è priva di rischi. Squali e razze sono sensibili ai campi elettromagnetici. Li usano in parte per cacciare il cibo. L’ecologa marina Annemiek Hermans dell’Università di Wageningen sta studiando se i cavi possono distruggere gli embrioni di spinarolo.

Hermans vede gli effetti, ma non può ancora dire se si tratta di disturbi su piccola scala. Si definisce una “fan dell’energia verde”, ma allo stesso tempo vede un campo di tensione. “È impossibile che avremmo posato tutti i cavi presto e poi scoperto che avremmo dovuto progettarli in modo diverso”.


Dobbiamo esaminare molto più da vicino l’impatto ecologico dei parchi eolici. O vogliamo correre il rischio di dover acquistare tutto il nostro pesce da allevamenti asiatici?

Albert Jan Maat, Presidente NetVisWerk

I pescatori sono allarmati dagli avvertimenti degli scienziati. “L’effetto di perturbazione dei fondali da parte della pesca è oggetto di costante attenzione. Ma queste domande rimangono sottoesposte”, ha detto a questo sito Albert Jan Maat, presidente dell’organizzazione di pesca NetVisWerk.

Maat: ,,Dobbiamo studiare meglio l’impatto ecologico dei parchi eolici. O vogliamo correre il rischio di dover presto procurarci tutto il nostro pesce da allevamenti asiatici? Entro il 2050, la capacità produttiva dei parchi eolici offshore dovrà aumentare di quindici volte per raggiungere i 70 gigawatt.

Albert Jan Maat è presidente di NetVisWerk.  Vuole maggiore attenzione per gli effetti dei parchi eolici sulla vita marina.
Albert Jan Maat è presidente di NetVisWerk. Vuole maggiore attenzione per gli effetti dei parchi eolici sulla vita marina. © Kirsten Person-Ketel

Non è la prima volta che gli scienziati hanno attirato l’attenzione sul lato oscuro dell’energia sostenibile nel Mare del Nord. I ricercatori di Wageningen avevano precedentemente stimato che migliaia di sule sarebbero presto morte ogni anno a causa delle collisioni con le turbine. Ma ci sono anche studi che indicano che le turbine eoliche lo sono nuovi habitat per i mitili e altri molluschi.

READ  “Scoperta dei sogni” in Egitto: ritrovamento del sarcofago del capo aiutante di Ramses II | Eccezionale

TU Delft sta cercando un modo per guidare silenziosamente le pile di turbine eoliche sul fondo del mare. Ora è fatto martellandoli, per così dire, con tutto il rumore e il danno alla vita marina che ne deriva.

Una bottiglia di champagne

“Il problema con le pile è che stanno diventando molto più grandi di quanto ci aspettassimo”, ha detto a NTR l’ingegnere di Delft Andrei Metrikine. Hanno un diametro fino a 10 metri. E deve essere a 100 metri sotto terra.

Un nuovo metodo di rotazione e vibrazione sembra causare molto meno inquinamento acustico. Metrikine ha avuto l’idea pensando al tappo di una bottiglia di champagne. Funziona anche meglio durante la corsa. Le prove sono già in corso con la nuova tecnologia.

Per inciso, nessuno dei ricercatori chiede di fermare la costruzione di parchi eolici offshore. Tutti concordano sul fatto che i parchi eolici offshore sono una delle poche tecniche per sostituire i combustibili fossili con un alimentatore privo di CO2. Van Duren: ,,Ma con la ricerca, dobbiamo provare a determinare gli effetti [op de natuur, red.] diminuire.”

Guarda i nostri video di notizie più visti nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *