Violento omicidio risolto 700 anni dopo – New Scientist

Violento omicidio risolto 700 anni dopo – New Scientist

Nel 2006 è stato ritrovato nel nord Italia lo scheletro di un giovane. Fu ucciso violentemente circa 700 anni fa. Gli inquirenti hanno ora ricostruito il suo omicidio.

Lo scheletro del giovane è stato ritrovato in una tomba davanti all’ingresso di una chiesa. Questo importante luogo di sepoltura indica che aveva uno status sociale elevato. Questo status elevato non poteva salvarlo da una morte prematura e raccapricciante.

“È unico”, dice l’archeologo Chiara Tesi dal Centro di Ricerca in Osteoarcheologia e Paleopatologia di Varese in Italia. “È l’unico nella popolazione analizzata ad avere lesioni associate a una morte violenta”.


Registrazione della bocca: sciocchezza pericolosa o trucco geniale?

LEGGI ANCHE
Registrazione della bocca: sciocchezza pericolosa o trucco geniale?

Precedenti ricerche hanno dimostrato che aveva tra i 19 e i 24 anni quando è morto. E nuovo Ricercapubblicato in Rivista di scienze archeologiche: rapportisi scopre che probabilmente è stato aggredito in un momento incustodito da qualcuno che lo voleva morto.

teschio virtuale

I ricercatori hanno cranio del giovane studiato in dettaglio con scanner a raggi X e microscopia, tra gli altri. Ciò ha permesso loro di realizzare un modello virtuale del cranio che mostra il danno minimo.

Hanno scoperto una serie di ferite al cranio che sembrano essere state causate da una “lunga arma simile a una lama, forse una spada affilata”. Con il modello virtuale del cranio, hanno determinato gli angoli ai quali l’arma doveva aver colpito la testa del giovane. Sulla base di ciò, sono stati in grado di ricostruire il violento omicidio di 700 anni fa.

omicidio inaspettato

Il numero e la posizione delle ferite e la forza con cui la vittima è stata colpita indicano un attacco deliberato. Tutto indica che l’aggressore voleva uccidere rapidamente la vittima.

READ  Come funzionano le scommesse UFC: strategie e suggerimenti

Probabilmente il giovane è stato colto di sorpresa. L’assenza di ferite sul resto del corpo, come le mani e gli avambracci, indica che ha avuto a malapena il tempo di difendersi, scrivono i ricercatori. Il fatto che la maggior parte delle lesioni siano nella parte posteriore del cranio supporta questa idea. Probabilmente ha cercato di scappare dall’aggressore.

Le ferite alla testa indicano anche che il giovane non indossava il casco. Sembra quindi impreparato a un combattimento, sebbene fosse probabilmente addestrato alla guerra. Sulla parte anteriore del suo cranio c’era una cicatrice che indicava che era stato ferito in precedenza. Questa ferita era completamente guarita quando è stato ucciso. E una leggera deformità alla spalla destra indica che ha praticato il tiro con l’arco fin dall’infanzia.

Attacco violento

I ricercatori suggeriscono anche come potrebbe essersi svolto l’attacco a sorpresa. Sembra che l’aggressore sia apparso improvvisamente davanti alla vittima e abbia puntato la spada alla testa o agli organi vitali. Questo attacco è stato in grado di bloccare o schivare parzialmente il giovane. Questo “solo” lo ha lasciato con una ferita superficiale sulla parte anteriore sopra la sua testa.

Quindi probabilmente ha cercato di scappare. Mentre lo faceva, la spada lo colpì di nuovo, questa volta da dietro, vicino all’orecchio destro. Ciò ha provocato una ferita così profonda che ha dovuto crollare o almeno barcollare.

Il terzo tiro, dal terzino sinistro, è subito seguito. Questo deve aver fatto crollare la vittima a terra e probabilmente svenire. Sdraiato o inginocchiato, faccia a terra, ricevette un ultimo colpo potente e mortale dalla spada. Questo tiro è arrivato dal terzino sinistro.

Probabile sequenza di colpi di spada alla testa della vittima. Immagine: Stefano Ricci e Jacopo Crezzini, Università di Siena

Visione olistica

Tesi: “La ricostruzione ci insegna qualcosa sulla violenza interpersonale all’interno della popolazione in quel momento, sulle tecnologie e sulle armi disponibili in quel momento. E su metodi ed eventi di combattimento che altrimenti conosciamo solo da fonti storiche.

READ  DL sicurezza: via libera in Cdm al nuovo decreto sull'immigrazione. Condanne fino a 7 anni per chi facilita i detenuti sotto il 41 bis

Non è possibile dire con certezza in quale ordine sia stato inflitto il danno. Martino Smith dalla Bournemouth University nel Regno Unito, che non è stata coinvolta nello studio. “Ma l’interpretazione che danno i ricercatori è probabilmente la più plausibile”.

Smith pensa che i ricercatori abbiano scritto un documento importante per il modo in cui combinano diverse analisi “per fornire una visione olistica delle rispettive lesioni”.

“Gli autori devono anche essere encomiati per aver sviluppato un approccio che potrebbe funzionare altrettanto bene per le prove nei moderni casi forensi”, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *