Vitamina D: a cosa serve la vitamina del sole e come integrarla mentre siamo chiusi in casa – Hamelin Prog

Vitamina D: a cosa serve la vitamina del sole e come integrarla mentre siamo chiusi in casa – Hamelin Prog

Durante i mesi invernali, è importante prestare attenzione all’integrazione di vitamina D per garantire il corretto funzionamento del nostro organismo. La vitamina D è fondamentale per la salute delle ossa, dei denti, la regolazione delle cellule e la funzione muscolare e nervosa. Questa vitamina è prodotta dal corpo quando viene esposto alla luce solare, ma durante i mesi più bui e freddi è consigliabile integrarla tramite l’alimentazione.

La carenza di vitamina D può portare a gravi conseguenze come rachitismo, carie e depressione, quindi è importante consumare cibi ricchi di questa sostanza. Alcuni alimenti che possono aiutare a integrare la vitamina D sono il salmone, le aringhe, l’olio di fegato di merluzzo, il tonno, le ostriche, i funghi e le uova.

Il salmone selvatico contiene circa 988 UI di vitamina D per 100 g, mentre l’aringa fresca offre addirittura 1.628 UI per 100 g. Anche il tonno in scatola, le ostriche, i gamberi, i tuorli d’uovo e i funghi sono ottime fonti di vitamina D. I funghi selvatici possono contenere fino a 2.300 UI di vitamina D per 100 g, mentre i funghi coltivati possono variare da 130 a 450 UI per 100 g a seconda del processo di coltivazione.

Insomma, garantire un corretto apporto di vitamina D attraverso l’alimentazione può avere numerosi benefici per la nostra salute generale. Ricordiamo quindi l’importanza di consumare cibi ricchi di questa vitamina per mantenere il nostro organismo in perfetta forma anche durante i mesi più bui dell’anno.

READ  Malaria: cause, prevenzione e sintomi da non sottovalutare - Hamelin Prog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *