Volt: piano di emergenza rapido per risparmiare energia, niente cetrioli serra

Il partito politico Volt vuole che presto venga redatto un piano di emergenza per il risparmio energetico. I Paesi Bassi e l’Europa devono diventare indipendenti dal gas russo e per risparmiare energia “devono essere tolti tutti i tabù”. “Le scelte dolorose ne fanno parte”, ha detto il leader del partito Dassen a un festival che il partito pro-europeo stava organizzando per la prima volta.

Dassen ha molte idee per il piano di emergenza. Ad esempio, il partito vuole che le aziende che producono beni di lusso, acciaio o alluminio producano meno. Le famiglie che riducono al minimo il consumo di energia dovrebbero ricevere un bonus una tantum il prossimo anno, afferma il rapporto proposta di Volt.

Serre

Al festival, Dassen ha detto che dovremmo anche guardare a cose che consideriamo normali, come la coltivazione di tutti i tipi di colture nelle serre olandesi. “Coltivare cetrioli in inverno. Fiori che crescono nelle serre mentre si congela all’esterno.

Il partito si oppone anche alle centrali elettriche a carbone che funzionano più velocemente, come il ministro del clima Jetten Lunedì annunciato† Le centrali elettriche a carbone emettono molta CO2, rendendo più difficile il raggiungimento degli obiettivi climatici. Il partito vuole che i Paesi Bassi facciano un altro passo. “Dal vecchio mondo – il mondo del petrolio, del gas e del carbone, al nuovo mondo delle turbine eoliche, dei pannelli solari, dell’idrogeno, dell’energia nucleare e di altre alternative sostenibili”.

Il partito è anche contrario all’importazione di GNL, gas naturale liquefatto. “Non dovremmo adottare il GNL molto più dannoso come alternativa, come stiamo attualmente vedendo in Europa”.

READ  le banche spingono il Ftse Mib

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.