Zenga al GF di suo figlio: “Non ho mai ricevuto tutti questi insulti dalle persone, nemmeno durante i derby”

Non hanno un ottimo rapporto e il figlio lo ha detto più e più volte. Da quando Andrea entrata nella casa del Grande Fratello Vip, la vita privata dell’ex portiere dell’Inter, Walter Zenga, finì sotto i riflettori. Tornò quindi in Italia per difendersi e affrontare il figlio. Lo ha fatto in un one-to-one andato in onda direttamente su Canale 5 durante la puntata in prima serata. Innanzitutto ha risposto per primo alle domande di Signorini e ha detto: “È passato un anno da quando ho visto Jacopo, il mio figlio maggiore, con il covid e il mio lavoro. Quando ero a Cagliari non vedevo i miei nipoti: sono abituato a lunghi periodi di genitorialità, ma non c’è problema. Il ricordo più vivo di Andrea? A parte il matrimonio di Jacopo, sono rimasto impressionato nel 2007 quando sono venuti a trovarmi negli Emirati per farmi visita, era una bella situazione. Sono stati con me per una settimana. Vivendo in tre continenti diversi, non è facile avere un rapporto continuativo “. “Sono passati 14 anni dall’ultima volta che avete vissuto un’emozione simile con Andrea …”, ha sottolineato il conduttore. “Va bene, ma il matrimonio di Jacopo è stato nel 2019.. », Ha risposto l’allenatore.

NO GUERRA –Ho visto che stavamo parlando di guerra, ma non ho mai combattuto una guerra, ho sempre sofferto e sono qui per chiarire certi aspetti e quando se ne andrà da qui, se da uomo decide di conoscere la verità, vedremo altro senza problemi. Sono un allenatore e vivo all’estero e non è facile dare continuità ai rapporti. Ma dobbiamo sempre essere giusti e giusti. Ho commesso errori come tutti gli altri nella vita, ma sono qui per incontrarlo e guardarci negli occhi. Dio non voglia, non amo mio figlio. Non ho posto il problema, l’avrei affrontato senza interferenze. I social media creano situazioni negative ed essere insultati da persone sotto l’immagine di bambini non è bello perché nessuno conosce la verità. Ho scritto un post non contro mio figlio, non gli avrei risposto su Instagram. Ero arrabbiato con chiunque mi avesse attaccato. Andrea è come me, abbiamo un carattere molto simile. Abbiamo anche la stessa barba, ma ovviamente sembra miglioreL’ex interista ha aggiunto ancora.

READ  Moments of Joy, Eriksen sorride di nuovo, si rallegra per il suo "pancione" e avverte la Danimarca: "Questa volta il parto è meglio pianificato" | Prima pagina

Prima di vedere suo padre, Andrea ha detto: “Per la mia scelta di parlare della mia vita in tv forse sto creando problemi che se non fossi venuto qui non si sarebbero creati e mi dispiace che lui o altri stiano ricevendo insulti per alcune mie affermazioni. Ma potrebbe essere lui o altre persone di cui sto parlando. Se la figura di papà suscita in me affetto oggi? Non posso rispondere, molto sinceramente. Se avessi mai avuto la speranza di vederlo in TV? Si spera di no. Sono consapevole. Preferirei un confronto fuori, ma capisco che è stato detto e che avrebbe il diritto di potersi esprimere ”.

Poi il confronto con il figlio in diretta tv. Ecco cosa hanno detto: “Sono venuto appositamente da Dubai. Ho molto rispetto per te e per quello che dici. Ma non ho mai ricevuto così tanti insulti in vita mia, nemmeno quando facevo i derby. Perché la verità è ciò che viene detto. Siamo due uomini. Hai detto che non avevi ricordi d’infanzia con me. Ma mi ricordo. Sai che una persona come me si è separata e poiché vivo in molti paesi del mondo – non voglio giustificarmi, mi prendo le mie responsabilità – rende le cose difficili. Ci sono sempre stato e ci sarò anche quando esci. Vai dove vuoi. Ci incontriamo e parliamo da uomo a uomo e decidiamo insieme“.

PORTA APERTA –Non c’è nessuna decisione da prendere. Forse sto chiedendo troppo per qualcosa – rispose il figlio – parla anche con Nicky. Non ti ho mai chiuso le porte. Né io né mio fratello. Penso che sia lì per primo, non vengo per primo perché sono in TV. Non ti biasimo per non averlo fatto. Perché non vieni a trovarci una volta? Non ho mai visto da te che sei venuto a vedere dove e come vivevo, avremmo apprezzato un papà che cerca di conoscere i suoi figli. Non voglio cercare qualcosa che non posso avere. Non mi cambia un messaggio al mese. Apprezzo la tua presenza qui e ti lascio la porta aperta. Lo apprezzo ma l’impulso deve manifestarsi all’esterno“.

READ  "Juventus-Napoli, partita importante per entrambe le squadre. E i bianconeri hanno più da perdere ..."

CONFRONTO –Certo, a volte non ci sono stato. Tralasciando le squadre che ho allenato nella mia vita in Italia, non mi sembra che tu mi abbia mai mandato un messaggio. Anche solo per parlarmi del mio lavoro. Da adolescente, ti vedevo spesso. Ma visto che vivo all’estero, non è stato facile essere a Osimo dove abiti tu. Tuttavia, sapevo molto di te. Mi lascerai la porta aperta? Come portiere, non è molto piacevole lasciare la porta aperta (sorride.ndr). Eri così bravo e mi dispiace che tu abbia smesso di giocare, ma questa è un’altra storia. Il passato non mi importa più. Se vuoi uscire di qui, ci vediamo io e te. Nicolò (l’altro figlio di Walter.ndr) è un argomento a parte e parlerò anche con lui. Per me, la verità è ciò che è stato detto e non ciò che è stato ascoltato. Anche i bambini devono protestare, anche i bambini devono fare qualcosa. Anche tu ed io siamo molto simili nel carattere. Lo capirai quando diventerai papà. Sono contento di averti visto, ero felice“.

“Se non ci fossi stato, avresti fatto il primo passo?” Ha chiesto Andrea. E Walter ha risposto: “Sì, naturalmente. Il bene per i bambini viene portato all’interno. Da un anno non vedo Jacopo e da mesi nemmeno l’ultimo dei miei due figli. C’è vita di tutti i giorni e poi se non hai 13-14 anni anche un bambino può fare una telefonata“. “Non vedo alcun desiderio da parte tua, ecco perché non ti chiamo. Sicuramente da parte mia c’è la voglia di vederci fuori», Risposta di Andrea.

READ  La "saga" Mazepin continua: ora la F1 deve prendere posizione - Zoom

“Ha detto cose che mi sono piaciute quando ha detto che le cose dette al GF Vip possono essere fraintese. Ci sono ragioni per cose che sono spesso complicate da spiegare. Non sono stato accettato. Ma in passato non ci sono le stesse cose e le stesse persone. Andrea, continua a vivere nel presente. Siamo fantastici, ci vediamo fuori casa ”, ha continuato l’allenatore.

Entrambi hanno risposto alla domanda di Signorini: “Come posso dire che non c’è posto per lui nella mia vita? Ovviamente c’è spazio. Non c’è problema, devi continuare a dire le cose che intendi, andare avanti senza paura, indipendentemente dalla decisione che prendi. Vai avanti con le tue idee, nessun problema. Mi assumevo le mie responsabilità e andavo in giro a testa alta senza alcun problemaHa detto Zenga. “Spero che ci sia spazio per lui nella mia vita. Vediamo fuoriRispose invece Andrea. “In questa situazione – ha concluso l’ex portiere – non c’è nessuno che vince o che perde. Non c’è corrispondenza tra padre e figlio“.

(Pacchetto fonte: Canale 5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *