zona rossa con 250 casi ogni 100.000 abitanti

Se l’incidenza settimanale dei casi è maggiore di 250 per 100.000 abitanti, il zona rossa. Dopo aver abbassato la soglia RT per determinare il posizionamento nelle bande, il governo sta valutando un ulteriore inasprimento. La proposta, avanzata dall’Istituto Superiore di Sanità, è condivisa dal CTS e deve essere approvata dalle Regioni. Non è ancora programmato un incontro tra il governo e le regioni, ma dovrebbe avvenire all’inizio della prossima settimana vista la scadenza Dpcm 15 gennaio.

Covid Italia, il virus continua a funzionare: nel 2021 il tasso di positività è ancora sopra l’11%

Gli ultimi dati

In base all’ultimo follow-up, con l’abbassamento dei parametri relativi all’incidenza dei casi, l’unica regione che andrebbe automaticamente in zona rossa sarebbe il Veneto, che ieri ha avuto un’incidenza a sette giorni di 454,31 casi ogni 100 mille. abitanti. A rischio anche l’Emilia Romagna, con un’incidenza di 242,44. In tutto sono attualmente cinque le regioni o province autonome che superano i 200 casi ogni 100.000 abitanti: oltre al Veneto e all’Emilia Romagna, ci sono la provincia di Bolzano (231,36), il Friuli Venezia Giulia (205 , 39) e La Marche (201).

In ogni caso nessuna regione è al di sotto della soglia dei 50 casi ogni 100.000 abitanti, quella che, secondo la sala di controllo del Ministero della Salute, consentirebbe “il completo ripristino dell’identificazione dei casi sul ‘tutto il territorio nazionale e rintracciando i loro contatti “. L’incidenza più bassa si registra in Toscana, con 78,95 casi ogni 100.000 abitanti.

Ultimo aggiornamento: 13:35


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  Campania "zona rossa", De Luca attacca il governo: "Non ha resistito a un'ondata di saccheggi politici e mediatici"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *