Italia indipendente dal gas russo entro il 2024

Italia indipendente dal gas russo entro il 2024

Il primo ministro italiano uscente Mario Draghi ha affermato che il Paese ha dimezzato la sua dipendenza dal gas russo dall’anno scorso. L’Italia non avrebbe nemmeno bisogno di gas dal Paese entro due anni.

L’anno scorso l’Italia importava ancora circa il 40% del proprio gas dalla Russia. Secondo Draghi, questa quota è solo del 20%. L’Italia è stata in grado di ridurre la propria dipendenza più rapidamente di altri paesi europei perché ha trovato prima altri fornitori, in particolare Algeria e Azerbaigian.

Draghi afferma che l’Italia potrebbe diventare completamente indipendente dal gas russo entro due anni, in parte installando due impianti di rigassificazione. In esso, il gas naturale liquefatto (GNL), che ha una temperatura di circa -162 gradi Celsius, viene riscaldato fino a formare nuovamente un gas.

“Il nostro obiettivo di diversificazione rispetto al gas russo era fondamentale per dare ai cittadini e alle imprese maggiori certezze sulla stabilità dell’approvvigionamento”, ha affermato Draghi. Il Primo Ministro ha anche affermato che l’Italia ha ora rifornito l’80% delle sue riserve di gas e potrebbe raggiungere il 90% entro ottobre.

Altri paesi

Anche altri paesi europei come la Germania e la Danimarca stanno aumentando le loro riserve di gas. La Germania, in particolare, dipende molto dal gas russo e ora sta facendo tutto il possibile per ricostituire le sue scorte. Questi sarebbero già riempiti all’80%, più velocemente di quanto inizialmente previsto.

Anche la capacità in tutta Europa sarebbe stata utilizzata per oltre il 70%. Tuttavia, il continente dovrebbe spendere fino a 50 miliardi di euro per raggiungere gli obiettivi del gas, dieci volte superiore come in una normale preparazione per i mesi invernali.

READ  I porti e le navi irlandesi cambiano dopo la Brexit

La Russia, il più grande fornitore di gas d’Europa, ha in gran parte chiuso il rubinetto del gas e potrebbe persino interrompere tutte le consegne, affermano alcuni analisti. Di conseguenza, il continente, già colpito dai prezzi del gas più alti della storia recente, potrebbe soffrire nei prossimi mesi.

(Per esempio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *