le modifiche al credito della legge finanziaria 2021

Adeguando gli ambienti di lavoro, la Legge Finanziaria 2021 modifica il credito d’imposta previsto dal decreto Relance. L’Agenzia delle Entrate prende atto delle nuove scadenze con il provvedimento dell’8 gennaio 2021: il nuovo termine per l’utilizzo in compensazione con il modello F24 o per la vendita è il 30 giugno 2021.

Adattamento degli ambienti di lavoro, il Legge finanziaria 2021 prevede modifiche credito d’imposta introdotto dal decreto rilancio.

Con il provvedimento dell’8 gennaio 2021, l’Agenzia delle Entrate modifica il Istruzioni per la compilazione di modello di comunicazione, approvato con provvedimento del 10 luglio 2020.

Queste istruzioni dettano come recuperare il credito d’imposta per le spese sostenute nel 2020 per l’adeguamento del luogo di lavoro, che non può essere utilizzato in compensazione nel 2021 tramite il modello F24.

Il Scadenza di utilizzo va dal 31 dicembre 2021 al 30 giugno 2021. L’opzione di allocazione del credito può essere fatto da 30 giugno 2021 invece del 31 dicembre 2021.

Adeguamento degli ambienti di lavoro: le modifiche creditizie alla legge finanziaria 2021

Sul credito d’imposta relativo alle spese di adattamento degli ambienti di lavoro entra in vigore la legge finanziaria 2021, approvata il 30 dicembre 2020 e in vigore dal 1 gennaio 2021.

il disposizione dell’8 gennaio 2021 dell’Agenzia delle Entrate prende atto della notizia e stabilisce le modifiche alle istruzioni del modello di comunicazione, approvate con il provvedimento del 10 luglio 2020 prot. non. 259854.

Agenzia delle Entrate – Provvedimento dell’8 gennaio 2021
Credito d’imposta per adeguamento dei luoghi di lavoro, di cui all’articolo 120 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34. Modifiche messe a disposizione del Direttore dell’Agenzia delle Entrate prot. non. 259854 del 10 luglio 2020.
READ  Vaccini sui luoghi di lavoro, al via le prime 17 aziende in Liguria: si libera Ansaldo Energia

In particolare, le scadenze relative all’utilizzo del credito d’imposta, introdotte dall’artarticolo 120 del decreto Relance.

In sintesi, le modifiche riguardano la modifica di due termini:

  • il credito d’imposta può essere utilizzato compensazione tramite modello F24 il 30 giugno 2021 anziché il 31 dicembre 2021;
  • i beneficiari possono scegliere l’opzione allocazione del credito anche fino al 30 giugno 2021 anziché al 31 dicembre 2021.

L’ultima possibilità è inizialmente prevista dalarticolo 122 del decreto di revival.

Le modifiche sono pianificate da i articolo 1, paragrafi 1098 e 1099 della Legge n. 178 del 2020, o della Legge Finanziaria 2021.

Adeguamento degli ambienti di lavoro: periodi di compensazione con F24 del credito d’imposta

il credito d’imposta previsto dall’articolo 120 del decreto revival, decreto legislativo 34 del 2020, è riconosciuto in alcune materie per i costi impegnati nel 2020 per adattare gli ambienti di lavoro.

L’utilizzo del credito d’imposta può essere effettuato mediante compensazione nel 2021, tramite il modulo F24.

Racconto produzione deve seguire le regole emanate dal’articolo 17 del decreto legislativo n. 241/1997.

Lo stesso decreto di rilancio prevede anche la possibilità di utilizzare il bonus direttamente ma anche tramite il trasferimento del credito d’imposta anche.

Questo trasferimento può avvenire in relazione ad altre questioni, tra cui Istituti di credito e altri ioINTERMEDIARI FINANZIARIe può anche essere parziale.

Sono proprio queste le scadenze previste per l’utilizzo diretto a titolo di risarcimento o per la cessione del credito da modificare a cura dell’Ass Legge finanziaria 2021: i nuovi termini sono stati incorporati dalla disposizioneAgenzia delle Entrate 8 gennaio 2021.

READ  Da oggi puoi accedere al "bonus rottura TV"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *