2000 posti aggiuntivi necessari per i richiedenti asilo nelle prossime settimane |  Politica

2000 posti aggiuntivi necessari per i richiedenti asilo nelle prossime settimane | Politica

Nelle prossime due settimane si dovranno trovare altri duemila posti per l’accoglienza d’urgenza dei richiedenti asilo. Alcuni rifugi di emergenza in caso di crisi potrebbero rimanere aperti più a lungo. In questo caso il deficit al 1° aprile sarà di 1.000 posti.

Questo è emerso lunedì durante una consultazione digitale del segretario di Stato Eric van der Burg (Asylum) con i 25 sindaci del Consiglio di sicurezza, ha affermato il presidente del consiglio Hubert Bruls, anche sindaco di Nijmegen.

“In realtà ci sono circa 60.000 posti strutturali per richiedenti asilo necessari nei Paesi Bassi. Ma il rifugio strutturale non è stato ancora realizzato. È quindi chiaro che l’alloggio di emergenza è ancora inevitabile”, ha affermato Bruls. Le regioni di sicurezza non provvederanno più a farlo in primavera e affideranno il loro compito ai cosiddetti tavoli di controllo provinciali, che dovranno poi cercare i posti per i richiedenti asilo in collaborazione con i comuni. “Questo non è mai stato compito delle regioni di sicurezza. Lo abbiamo fatto perché c’era la crisi, ma adesso basta davvero.

grande flusso

Un grande afflusso di richiedenti asilo dovrebbe arrivare di nuovo nei Paesi Bassi in primavera. Allo stesso tempo, molti rifugi di emergenza chiuderebbero perché gli edifici sono necessari per altri scopi. Ora che il bisogno è ancora grande, molti comuni hanno deciso di tenere aperto più a lungo il ricovero di emergenza, è emerso durante la delibera. Almeno fino al 1 luglio, secondo un portavoce del Segretario di Stato. Si spera che più rifugi di emergenza possano rimanere aperti. Se ciò accade, saranno necessari migliaia di posti in più.

READ  Il lutto radical chic è trasmesso da Gruber. Anche la Murgia in lacrime ... - Tempo

Il sindaco Hubert Bruls di Nijmegen.
Il sindaco Hubert Bruls di Nijmegen. © ANP

Alcuni comuni hanno ancora spazio nei loro rifugi di emergenza, dice Bruls. Ma questi posti a volte non sono occupati perché, ad esempio, un comune non vuole accogliere uomini che viaggiano da soli per paura di molestie. “È consentito e non è possibile”, afferma Bruls. “Né è la solidarietà con altri comuni che fa spazio a ogni rifugiato”.

Nel comune di Bruxelles di Nijmegen, a metà aprile aprirà i battenti un rifugio di emergenza per 1.200 persone. Il comune prevede che la maggior parte degli uomini che viaggiano da soli finiranno lì.

Nave da crociera a Velsen

prima di oggi riportato notizie RTL che se non succede nulla entro la fine del mese, quasi quattromila posti di accoglienza sarebbero troppo pochi. Queste cifre sono state distribuite ai sindaci del Consiglio di sicurezza prima della consultazione di questa sera.

La nave Silja Europa è ormeggiata al molo VOB a Velsnen-Noord.  Migliaia di richiedenti asilo e titolari di status sono ospitati sulla nave.
La nave Silja Europa è ormeggiata al molo VOB a Velsnen-Noord. Migliaia di richiedenti asilo e titolari di status sono ospitati sulla nave. © ANP

Nei documenti relativi Notizie RTL ha scritto, la possibile chiusura della nave da crociera a Velsen non è stata ancora presa in considerazione. Di conseguenza, la carenza potrebbe aumentare di mille posti in più. Il consiglio comunale di Velsen deciderà presto se la nave da crociera debba effettivamente partire.

Circa il 60% degli abitanti di Velsen-Noord sarebbe contrario a un’estensione del mandato, ha scritto NH News prima. Si prevede quindi che il consiglio comunale di Velsen sosterrà la proposta del sindaco, il che significa che la nave da crociera dovrà partire a metà aprile.

Come funziona la procedura di asilo nei Paesi Bassi? Arda Kaya lo scoprirà per te (video):

READ  Il video con il fisco: cosa cambia adesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *