21.200 titolari di status in più per ottenere casa nella prima metà del 2023 | ADESSO

I comuni ospiteranno 21.200 titolari di status nella prima metà del prossimo anno. Lo ha annunciato venerdì il gabinetto. Questo numero si aggiunge agli oltre 20.000 titolari di status per i quali i comuni devono fornire un alloggio entro la fine di quest’anno.

I 21.200 titolari di status sono ex richiedenti asilo che hanno ottenuto un permesso di soggiorno tra luglio 2022 e 31 marzo 2023 (previsto). I Comuni devono aiutarli a trovare un alloggio nei primi sei mesi del 2023.

Hanno diritto all’alloggio, ma a causa, tra l’altro, della carenza di alloggi, oltre quindicimila titolari di status sono costretti a soggiornare nei centri per richiedenti asilo. È anche per questo, insieme all’arrivo di molti nuovi richiedenti asilo, che da tempo si registra una grave carenza di posti di accoglienza nei centri per richiedenti asilo. Di conseguenza, la catena dell’asilo è stata a lungo sottoposta a forti pressioni.

Tra i 21.200 titolari di status ci sono anche un centinaio di sfollati afghani-olandesi. Attualmente sono alloggiati temporaneamente in hotel, ma hanno anche diritto all’alloggio. Il Ministero dell’Interno è responsabile di questo gruppo.

Nel marzo 2023, il gabinetto valuterà se il numero di licenziatari da ospitare debba essere aumentato o ridotto al ribasso l’anno prossimo, come ora il gabinetto si aspetta. Se ciò non fosse possibile, i posti aggiuntivi necessari verranno aggiunti ai compiti per la seconda metà del 2023.

L’obiettivo non viene quasi mai raggiunto

Il numero di titolari di status da ricevere per comune è determinato due volte l’anno, ma non viene quasi mai raggiunto. Il governo ha rilasciato l’ultimo inventario degli alloggi per i titolari di permesso il 1 settembre. Ciò dimostra che 315 dei 344 comuni hanno ancora un arretrato entro la fine di quest’anno. Questa è la sistemazione di 10.343 titolari di status.

READ  SIDN avviserà il titolare del nome di dominio se il dominio .nl cancellato riceve ancora posta - IT Pro - News

I comuni interessati ritengono di poter aiutare 4.990 titolari di status prima del 1° gennaio. L’arretrato viene automaticamente trasferito e sommato al numero di persone da ospitare per l’anno successivo.

L’obiettivo per la seconda metà di quest’anno era inizialmente fissato a 13.500 titolari di status. Nell’accordo sull’asilo alla fine di agosto, il gabinetto ha portato quel numero a oltre 20.000 titolari di status. Questo accordo sull’asilo contiene un gran numero di accordi per uscire dalla crisi dell’asilo, come un freno al ricongiungimento familiare per i beneficiari. L’accordo è politicamente delicato, anche all’interno dei partiti della coalizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.