28 milioni di italiani ricevono un “bonus” per compensare l’aumento dei prezzi

28 milioni di italiani ricevono un “bonus” per compensare l’aumento dei prezzi

Secondo il premier Mario Draghi, il governo italiano è determinato a proteggere al meglio famiglie e imprese dalle conseguenze economiche della guerra russa in Ucraina. Tra giugno e luglio 28 milioni di italiani riceveranno un bonus una tantum del valore di 200 euro. Dipendenti, autonomi e pensionati che guadagnano fino a 35.000 euro all’anno possono aspettarsi il bonus, che presto verrà automaticamente aggiunto al loro stipendio o pensione.

Il nuovo pacchetto di sostegno economico del governo Draghi per aiutare le famiglie e le imprese economicamente più vulnerabili a far fronte all’aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia ammonta a 14 miliardi di euro. Questa misura si aggiunge ai precedenti sforzi del governo, che sono già stati significativi. Nel suo discorso di martedì al Parlamento europeo a Strasburgo, Draghi ha ricordato che l’Italia aveva già stanziato ulteriori 30 miliardi di euro per alleviare il dolore dell’aumento dei prezzi.

Per pagare il premio unico a dipendenti e pensionati il ​​governo ha stanziato 6 miliardi di euro. Poiché l’Italia ha uno spazio limitato per prendere in prestito di più, il governo vuole ottenere questi soldi dalle compagnie energetiche, che stanno realizzando profitti extra a causa degli alti prezzi dell’energia. Invece dell’imposta del 10% su quell’utile annunciato a marzo, le società energetiche devono pagare fino al 25% di tasse. L’intervento dovrebbe generare circa 10 miliardi di euro quest’anno.

Il consumatore non corre il rischio che le società energetiche trasferiscano l’utile scremato sul conto finale. Il regolatore dei prezzi segue da vicino le forti fluttuazioni dei prezzi dell’energia. Inoltre, il mercato dell’energia è stato liberalizzato e nessuna compagnia energetica ha il monopolio.

READ  Gruppo Salcef, nuovi contratti in Italia per 150 milioni di euro

Mentre l’Italia ha registrato una forte ripresa lo scorso anno, il prodotto interno lordo è leggermente diminuito nei primi tre mesi di quest’anno a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia, della variante Omikron del coronavirus e dell’invasione russa dell’Ucraina. “Questo è un rallentamento, non una recessione”, ha detto Draghi in una conferenza stampa di lunedì sera sul piano di salvataggio. Il Primo Ministro ha sottolineato che a marzo sono stati occupati 800.000 posti di lavoro in più rispetto a un anno prima. Allo stesso tempo, Draghi ha riconosciuto fin dall’inizio della guerra che l’Italia è troppo dipendente dall’energia dalla Russia, ad esempio per il 45% del suo gas. Dopo l’invasione dell’Ucraina, l’Italia ha subito iniziato a cercare fornitori alternativi.

Impulso di energie rinnovabili

Ma per diventare meno dipendenti da Mosca non basta concludere un grosso contratto per il gas in Algeria, come ha fatto di recente l’Italia. Roma vuole quindi dare nuovo slancio anche al settore delle energie rinnovabili. Le domande di autorizzazione, ad esempio, per un parco eolico in Italia troppo spesso falliscono a causa di ritardi o rifiuti da parte delle autorità culturali, che vogliono tutelare il valore del paesaggio. Mentre i paesaggi di grande valore culturale e turistico, come le Cinque Terre in Liguria o la Costiera Amalfitana nel sud Italia, continueranno a essere tutelati in futuro, le autorità culturali di altre parti del Paese sono ora meno in grado di avviare un progetto energetico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *