Afghanistan, coordinamento Russia-Cina per la transizione. Merkel: “Continuare il dialogo con i talebani”. Kabul, i miliziani bloccano l’accesso all’aeroporto

Una settimana e mezzo dopo la conquista di Accettazione parla talebani, la finestra di opportunità per lasciare ilAfghanistan si chiude velocemente. Martedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden confermati i piani per il ritiro delle truppe statunitensi entro il 31 agosto, nonostante le richieste degli alleati europei di concedere più tempo per evacuazioni. Allo stesso tempo, i fondamentalisti hanno annunciato che “l’accesso” all’aeroporto “è consentito solo a cittadini stranieri e non gli afghani”. Oggi all’aeroporto di Kabul si vedono i primi conseguenze di queste decisioni: i talebani hanno bloccato l’accesso alla porta nord e cancello è, che di fatto è deserta. Quando gli Stati Uniti lasceranno la capitale afghana, nessuno potrà garantire le evacuazioni. E poi “il dialogo con i talebani dobbiamo continuare”, per garantire corridoi sicuri e salvaguardare le conquiste degli afghani: lo dice chiaramente Angela Merkel, parlando con Bundestag, in un intervento straordinario chi dovrebbe essere l’ultimo cancelliere tedesco. Aspettando, l’asse Russia-Cina, colui che negli ultimi anni ha avuto i legami più stretti con i talebani, soprattutto per quanto riguarda Pechino, ha deciso oggi, nel corso di un colloquio telefonico tra i presidenti Mettere in e Xi Jinping, per coordinare una “transizione graduale della situazione in Afghanistan, per combattere il terrorismo, porre fine al traffico di droga e prevenire la diffusione dei rischi per la sicurezza”, hanno riferito i media cinesi. Le parti “hanno convenuto che l’attuale situazione internazionale e regionale è complessa e in evoluzione” e che è “molto importante mantenere una comunicazione tempestiva sulle principali questioni bilaterali e multilaterali, concordando di chiudere gli scambi con vari mezzi”.

La linea del dialogo, sostenuta in Italia solo dal leader del M5 Giuseppe Contechi continua ad essere attaccato per questo – infatti è svolto da tutta Europa. Martedì il primo ministro stesso Mario draghi ha sottolineato la necessità di mantenere “a canale di contatto con chi ha preso il potere in Afghanistan, oltre a sottolineare l’importanza di G20 come forum di discussione anche con Cina e Russia. La cancelliera Merkel insiste anche sulla necessità di un dialogo che “deve essere condotto”, ricordando il suo incontro nei giorni scorsi con Vladimir Poutine. Pechino ha i contatti al momento più stretto con i fondamentalisti: i media cinesi riferiscono a incontrare Martedì a Kabul tra una delegazione talebana e l’ambasciatore Wang Yu. “La Cina ha mantenuto un Comunicazione è un consultazione fluido ed efficiente con i talebani, “e Kabul è” naturalmente un’importante piattaforma e canale per entrambe le parti per discutere questioni importanti”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri. Wang wenbin.

READ  Cadavere ritrovato a Bresciano. Una poliziotta era scomparsa

“Continueremo la missione di evacuazione Più a lungo possibile“, in modo che gli afghani che hanno aiutato i tedeschi lì” possano lasciare il paese “, ha sempre detto la Merkel al Bundestag chi, ancora oggi, ha approvato la missione di evacuazione della Bundeswehr in corso in Afghanistan (600 soldati) a larga maggioranza. Tuttavia, a Berlino, fonti citate dal Custode sottolineare che questo sarà possibile solo finché starò Stati Uniti. Lo stesso quotidiano inglese rivela che Londra ha intenzione di ritirarsi presto: da qui termineranno le operazioni di evacuazione britanniche da Kabul”24-36 oreIl motivo è lo stesso: l’esercito americano ha bisogno almeno di più due o tre giorni chiudere le sue operazioni a Kabul, mentre Londra vuole chiudere almeno 24 ore prima.

Posti di blocco talebani – Il corrispondente di Al Jazeera Charles Stratford riferisce che “la situazione” nell’area aeroportuale “è cambiata” ed è “ancora più tesoI talebani hanno organizzato un punto di controllo cinque chilometri daingresso nord dall’aeroporto, dove si sono radunati la maggior parte degli afgani che sperano di lasciare il Paese. Bloccano tutti, ha detto il corrispondente, “a meno che non dimostrino di avere un visto americano, un passaporto Americano o un invito da stati Uniti o dei Paesi natiLa situazione sarebbe “simile” anche all’ingresso est dell’aeroporto, dove “i talebani hanno allestito un punto di controllo, impedendo il passaggio delle persone prive dei documenti richiesti”.

Il caos intorno all’aeroporto – Allo stesso tempo, ci sono ancora migliaia di persone sopraffare in giro mura al confine con l’aeroporto: centinaia di afgani radunati un fosso fuori dall’aeroporto, alcuni in piedi con l’acqua fino alla cintola. Si vede un uomo in un video salita sul muro del fossato ma vieni respinto da due soldati. Il tempo stringe per coloro che vogliono allontanarsi da tutto. Una volta fermati i voli di evacuazione, chi non ha ancora lasciato il Paese potrà farlo via terra poi vola in Europa da uno dei paesi vicini. I due valichi di frontiera verso il Pakistan sono attualmente aperti, ma gli afgani devono visto Entrare.

READ  Champions: società del Lione, Manchester City battuto 3-1. Ma il vero perdente è Guardiola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *