Amalia sceglie l’amore, ma la principessa belga Elisabeth fa lo stesso?

Amalia sceglie l’amore, ma la principessa belga Elisabeth fa lo stesso?

Il regalo più utile del mondo’ è ciò che il biografo reale fiammingo Jo De Poorter chiama il libro We, Elisabeth, che ha scritto in occasione del 21° compleanno della principessa ereditaria Elisabetta, il 25 ottobre. Un voluminoso pen fruit in cui Jo presenta alla principessa ereditaria belga 21 lezioni di vita basate sui ritratti di ex, attuali e future regine come la regina Elisabetta recentemente scomparsa, la regina spagnola Letizia, l’ex regina Beatrice e la nuova principessa del Galles, Kate.

Il compagno di Elisabetta

Dalle loro vite e personaggi reali, distilla esattamente ciò che è inestimabile per la principessa ereditaria del Belgio per adempiere adeguatamente al suo compito (futuro) e garantire la sostenibilità della monarchia. Ma come principessa ereditaria, potresti essere ancora in grado di salire al trono in seguito, un elemento molto importante è l’uomo che starà accanto a te.

A Oxford, dove Elisabeth studia storia e politica, la bella principessa attirerà senza dubbio molte attenzioni da parte dei suoi compagni di classe. Una cotta è in agguato, ma la scelta di un partner permanente può avere gravi conseguenze. Nel caso della compagna di Elisabeth, si esaminerà prima l’idoneità. Se si aggiungono eccitazione, amore e passione, è un grande vantaggio, ma la rilevanza viene prima di tutto. Che diventi vallone o fiammingo o straniero, è importante che questa persona possa convivere con il fatto che svolgerà un ruolo secondario.

L’articolo continua dopo l’annuncio

Immagine: Brunopress

Leggi tutta la storia in Story. L’edizione 48 è ora nei negozi o leggi l’articolo tramite Rivista.nl

Vuoi rimanere informato su tutte le novità sui diritti d’autore? Allora segui la pagina Facebook di Story Royalty!

READ  L'osservatore di celebrità Henk "Ms Bronwater" Jordan è morto: "Ti rendeva sempre felice"

Vuoi rimanere informato sui nostri migliori articoli e regali? Iscriviti alla newsletter di storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *