Amrabat è proprio nel Feyenoord in Marocco

Non era abbastanza bravo per Feyenoord e Club Brugge, ma ai Mondiali ha eliminato un top player dopo l’altro. Sofyan Amrabat gioca un ruolo importante nel successo del Marocco. I migliori club europei seguiranno da vicino il centrocampista durante i quarti di finale.

Dopo la vittoria contro la Spagna, il Marocco ha raggiunto per la prima volta i quarti di finale della Coppa del Mondo. I nordafricani hanno già sorpreso nella fase a gironi battendo il Belgio e fermando la Croazia 0-0, ma la storia si fa davvero arrivando ai quarti di finale. Sofyan Amrabat (26) è uno degli autori della storia di successo. Il centrocampista è stato di nuovo protagonista contro la Spagna, dato che ha giocato con antidolorifici a causa di problemi alla schiena.

Dopo Luka Modrić e Kevin De Bruyne, anche il Gavi ha perso la battaglia a centrocampo contro l’Amrabat. Il “numero 6” marocchino ha eliminato i migliori giocatori del mondo combattendoli fisicamente, usando contrasti duri e facendo un sacco di contromosse sporche. Infine, viene utilizzato sulle sue qualità, che gli è stato permesso di sviluppare in Italia nell’Hellas Verona e nella Fiorentina. Hanno dormito al Feyenoord e al Club Brugge?

Fallimento al Feyenoord

All’FC Utrecht, Amrabat si è distinto come ispettore principalmente per le sue qualità di calciatore. Dopo il suo trasferimento al Feyenoord, tuttavia, è stato regolarmente utilizzato come terzino destro e difensore centrale. In Champions League ha fatto una buona impressione, ma non è arrivata una vera svolta. Con grande frustrazione dello stesso Amrabat. Voleva svilupparsi come centrocampista e quindi ha lasciato il Rotterdam dopo un anno.

READ  Italia indipendente dal gas russo entro il 2024

“La mia carriera è progredita passo dopo passo”, ha detto Amrabat ad Algemeen Dagblad questa settimana. “Va bene, non c’è stata alcuna svolta al Feyenoord. Sfortunatamente. Ma non posso dire niente di negativo su questo club e sulle persone Giovanni van Bronckhorst e Martin van Geel. Sono grato a loro. Ho anche avuto bisogno di questo passaggio per essere dove Adesso lo sono.Il fatto che non abbia funzionato a Rotterdam, a volte devi osare guardarti allo specchio per questo.

È partito per il Club Brugge, ma anche lì ad Amrabat non è stato permesso di giocare al suo gioco preferito. Si è seduto in panchina o è entrato in squadra come difensore in una difesa a tre. Secondo lo staff tecnico, Amrabat mancava di disciplina tattica. Il giocatore stesso ha lottato con il suo ruolo di sostituto e, secondo quanto riferito, ha causato problemi nello spogliatoio con un atteggiamento negativo. Un rapido avvio è stata la soluzione migliore per entrambe le parti.

Il mostro in Italia

Quando l’Hellas Verona si è presentato, Amrabat ha chiesto con forza che gli fosse permesso di giocare nella posizione desiderata, come numero sei. Ha conquistato la fiducia del tecnico Ivan Juric e l’ha ripagata. Amrabat si afferma rapidamente in Serie A e diventa una serratura indistruttibile della porta. Da allora è stato conosciuto come “The Monster” in Italia.

Dopo due anni passa alla Fiorentina. C’è poco da vedere lì dal controllore di calcio dell’FC Utrecht. L’Amrabat di oggi eccelle nei contrasti e nei duelli fisici. Esattamente il gioco che ha mostrato ai Mondiali in Marocco. Guida la battaglia e resiste ai migliori centrocampisti del mondo.

READ  il virus è fuori controllo. Fontana si prepara al blocco totale

Continuando a credere in se stesso, Amrabat ha dimostrato che i suoi critici si sbagliavano. Dopo il Mondiale, l’ex panchina di Feyenoord e Club Brugge potrebbe solo fare un passo verso la vetta assoluta. Il suo nome è già stato fatto al Liverpool, al Tottenham Hotspur, al Milan e al Napoli.

Il Feyenoord ha commesso un errore?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *