Ancora più preoccupazione per le piattaforme di ghiaccio dell’Antartide ora che lo scioglimento sembra essere in qualche modo contagioso

Ancora più preoccupazione per le piattaforme di ghiaccio dell’Antartide ora che lo scioglimento sembra essere in qualche modo contagioso

I ricercatori hanno scoperto che lo scioglimento del ghiaccio marino può far languire il ghiaccio marino nelle vicinanze. E in questo modo, il “virus che si scioglie” viene effettivamente costantemente trasmesso.

La piattaforma di ghiaccio di Thwaites è galleggiante ed è una delle piattaforme di ghiaccio più grandi dell’Antartide occidentale. La piattaforma di ghiaccio si trova nella parte anteriore del famoso ghiacciaio Thwaites, chiamato anche Doomsday Glacier per un motivo (vedi riquadro). Il ghiacciaio si sta ritirando alla velocità della luce ed è attualmente il maggior contributore all’innalzamento del livello del mare globale di qualsiasi ghiacciaio in Antartide. In un nuovo studio i ricercatori hanno posizionato i sensori sotto la piattaforma di ghiaccio di Thwaites, anch’essa assottigliata e indebolita in modo significativo negli ultimi decenni. E sta portando alla scoperta di una causa completamente nuova di come languiscono le piattaforme di ghiaccio antartiche.

A proposito di Thwaites
Come accennato, il ghiacciaio Thwaites si trova nell’Antartide occidentale ed è attualmente responsabile di circa il 4% dell’innalzamento globale del livello del mare. Se il ghiacciaio si sciogliesse nel suo insieme, potrebbe innalzare il livello del mare di 65 centimetri, causando inondazioni estreme per milioni di persone che vivono lungo la costa. I ricercatori stanno tenendo d’occhio il ghiacciaio. Non solo per l’innalzamento del livello del mare che potrebbe raggiungere da solo, ma anche perché l’enorme ghiacciaio sta attualmente rallentando i ghiacciai circostanti. Se Thwaites scompare, quei ghiacciai – che insieme rappresentano un innalzamento del livello del mare di 2,4 metri se scompaiono completamente – perderanno anche ghiaccio più velocemente.

Nel gennaio 2020, i ricercatori hanno praticato dei fori nel ghiaccio e installato sensori per misurare la temperatura, la salinità e le correnti oceaniche sotto la piattaforma di ghiaccio di Thwaites. E questo dimostra che l’acqua si è notevolmente riscaldata tra gennaio 2020 e marzo 2021. Sulla base delle osservazioni, il team sospetta che questo eccesso di calore non possa essersi originato localmente, in quanto non ha riscontrato alcun forte scioglimento dove erano installati i sensori.

READ  Il suono morbido del pianoforte scaccia gli incubi - NRC

Origine
Per scoprire l’origine di questa acqua calda, i ricercatori hanno combinato i dati raccolti con simulazioni al computer. E mostra che l’acqua che scorre dalla vicina piattaforma di ghiaccio di Pine Island si sta dirigendo verso le regioni al di sotto della piattaforma di ghiaccio di Thwaites. In breve, la maggior parte del riscaldamento misurato al di sotto della piattaforma di ghiaccio di Thwaites è stato causato dall’acqua di fusione dei ghiacciai della piattaforma di ghiaccio di Pine Island.

Misto
Il problema è che l’acqua di disgelo dei ghiacciai si mescola con l’acqua salata. Questo crea uno strato d’acqua galleggiante più caldo delle acque circostanti. Quest’acqua più leggera e più calda fa sì che la parte inferiore della piattaforma di ghiaccio di Thwaites languisca ancora più velocemente di quanto non faccia già. “In realtà abbiamo scoperto un processo completamente nuovo che può influenzare la stabilità delle piattaforme di ghiaccio”, ha affermato il ricercatore Tiago Dotto. “Rivela il contributo delle circolazioni oceaniche locali”.

contagioso
La linea di fondo è che la ghisa è in qualche modo contagiosa. “Sapevamo già che le acque profonde circumpolari erano un grande contributo allo scioglimento delle piattaforme di ghiaccio”, dice Dotto. “Tuttavia, ciò che mostriamo nel nuovo studio è che una grande quantità di acqua calda, proveniente dalle vicine piattaforme di ghiaccio che si sciolgono, può essere consegnata a strati poco profondi sotto la forma di ghiaccio. Lo scioglimento di un lastrone di ghiaccio può quindi sciogliere anche un lastrone di ghiaccio adiacente. Questo crea una situazione difficile, specialmente nella regione intorno al Mare di Amundsen. Questo perché qui un lastrone di ghiaccio è uno accanto all’altro. “Il calore può facilmente raggiungere la prossima piattaforma di ghiaccio qui attraverso la circolazione oceanica locale”, dice Dotto.

READ  Gli astronomi scoprono un pianeta "proibito".

Tourbillon
Lo studio ha anche scoperto che un cosiddetto vortice (una corrente oceanica anulare) adiacente alla piattaforma di ghiaccio di Thwaites potrebbe influenzare la quantità di acqua di disgelo glaciale che scorre al di sotto. Quando questo vortice è più debole, il che è particolarmente vero in inverno, l’acqua più calda può raggiungere aree al di sotto del ghiaccio marino. “I vortici che possono esistere anche in altre regioni intorno all’Antartide potrebbero quindi sciogliere più piattaforme di ghiaccio”, afferma Dotto. “Il vortice crea effettivamente condizioni calde a lungo termine, provocando lo scioglimento del ghiaccio. Ciò a sua volta contribuisce all’innalzamento del livello del mare globale.

I ricercatori mostrano che le piattaforme di ghiaccio dell’Antartide sono più interconnesse di quanto si pensasse. L’acqua calda arricchita con acqua di disgelo può entrare nelle cavità delle piattaforme di ghiaccio adiacenti ed erodere qui la parte inferiore. Di conseguenza, crescono le preoccupazioni per il futuro dell’Antartide e più specificamente per la piattaforma di ghiaccio e il ghiacciaio di Thwaites. Il futuro quindi non sembra molto roseo. I ricercatori continueranno a monitorare da vicino gli sviluppi sopra e sotto il ghiacciaio. “Se Thwaites crolla, la maggior parte del ghiaccio dell’Antartide occidentale verrà spazzata via”, ha detto. ha predetto il ricercatore Ted Scambos in precedenza. È quindi essenziale avere un quadro più chiaro di come si comporteranno la piattaforma di ghiaccio e il ghiacciaio di Thwaites nei prossimi decenni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *