L’aspartame, il dolcificante delle bevande dietetiche, aumenta il rischio di cancro?  Salute e scienza

L’aspartame, il dolcificante delle bevande dietetiche, aumenta il rischio di cancro? Salute e scienza

Da dove arriva questa notizia?

L’Organizzazione mondiale della sanità ha riferito il 14 luglio che l’aspartame era stato classificato come possibile cancerogeno dopo un’ampia revisione della letteratura (1).

Un team di esperti scientifici ha condotto una revisione della letteratura per l’OMS per valutare l’uso dell’aspartame. L’aspartame è una sostanza chimica 200 volte più dolce dello zucchero di barbabietola, quindi dovrebbe essere usato meno. L’aspartame è in realtà una proteina costituita dagli elementi costitutivi dell’acido aspartico e della fenilalanina. Potrebbe esserci un possibile leggero aumento dell’insorgenza di alcuni tipi di cancro al fegato, ma gli stessi esperti affermano che sono necessarie ulteriori ricerche. La quantità giornaliera autorizzata di aspartame non viene modificata.

Fonte

1. Pubblicazione dei risultati della valutazione dei pericoli e dei rischi dell’aspartame (who.int) Venerdì 14 luglio 2023.

Come interpretare questa notizia?

L’acido aspartico è naturalmente presente nei cavoletti di Bruxelles, nella farina d’avena, nell’avocado, negli asparagi e nella canna da zucchero. La fenilalanina è ampiamente presente in alimenti come formaggio, soia e mandorle. Entrambe le sostanze sono i mattoni dell’aspartame. Sarebbe sorprendente se tutti questi alimenti aumentassero il rischio di cancro…

La divisione di ricerca sul cancro dell’OMS, IARC, ha una classificazione degli agenti cancerogeni. Queste classificazioni IARC vanno dal gruppo 1 (cancerogeno), gruppo 2A (probabilmente cancerogeno), 2B (possibilmente cancerogeno) al gruppo 3 (non cancerogeno).

L’aspartame è stato inserito nel gruppo 2B. Una sostanza viene trovata quando ricerche scientifiche molto limitate suggeriscono un possibile rischio di cancro. Anche diesel, aloe vera, campi magnetici e persino sottaceti fanno parte del gruppo 2B. Mettendo l’aspartame nel gruppo 2B, le persone saranno terrorizzate a frotte. Una conseguenza potrebbe essere che le persone ritornino poi a cibi zuccherati, come le bevande analcoliche, che non favoriscono la prevenzione del sovrappeso e dell’obesità. Inoltre, esiste un legame chiaramente dimostrato tra obesità e cancro.

READ  La scienza è anche solo un'opinione | Colonne

Anche organizzazioni come l’OMS e la IARC amano apparire sulla stampa internazionale. È dubbio che questo messaggio gioverà alla salute pubblica.

Il fatto che l’aspartame possa aumentare il rischio di alcuni tipi di cancro al fegato si basa su studi osservazionali ed esperimenti su animali.

Studi osservazionali mostrano un numero leggermente maggiore di tumori nei consumatori di aspartame. Tuttavia, sono soprattutto le persone obese che usano l’aspartame e hanno un rischio maggiore di cancro a causa del loro eccesso di peso. Tali studi non dimostrano che l’aspartame causi più tumori in questo gruppo.

Negli esperimenti sugli animali in questione, agli animali del test sono state somministrate enormi quantità di aspartame, a seguito del quale hanno effettivamente sviluppato tumori.

In quantità normali (40 mg per chilogrammo di peso corporeo), l’aspartame non è affatto dannoso. Una persona di 80 kg può utilizzare 80 x 40 mg o 3200 mg di aspartame. Ciò equivale a quasi 70 lattine di soda dietetica al giorno…

Con tali standard di sicurezza, molti prodotti alimentari dovrebbero essere elencati come possibili cancerogeni.

Chi faceva parte del gruppo di lavoro di esperti IARC che ha preso questa decisione?

L’Organizzazione mondiale della sanità ha precedentemente stabilito, sulla base di revisioni della letteratura, che i dolcificanti artificiali, come l’aspartame, non svolgono alcun ruolo nel trattamento dell’obesità o nella riduzione del rischio di diabete e malattie cardiache (2). Questo è vero, non perché questi dolcificanti artificiali siano dannosi, ma perché le persone che li usano nella loro dieta quotidiana non consumano meno calorie di conseguenza.

Conclusione

L’aspartame è costituito da due molecole che sono presenti anche in una dieta normale. Il dolcificante artificiale esiste dal 1966 e il suo uso diffuso in tutto il mondo non ha portato ad un aumento dell’incidenza di alcuni tipi di cancro. Che la sostanza sia classificata come possibile cancerogeno, sulla base di prove inconsistenti, è sorprendente e non ha senso. Devi già bere dozzine di litri di soda dietetica al giorno per qualsiasi aumento del rischio di cancro.

READ  Tutti i vincitori di IgNobel 2020 inclusi coltelli da sella e sopracciglia narcisistiche

Sostituire l’aspartame con lo zucchero non ridurrà il rischio di cancro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *