Anziani al freddo: la casa di riposo belga non può più permettersi di acquistare energia

Siamo a fine mese e il tecnico Alexandre Dobbelaere ha ancora mal di pancia. La bolletta energetica cade sullo zerbino, racconta al canale di informazione in lingua francese RTL TVI. “A fine giugno il nostro budget energetico era già esaurito. L’anno scorso, la casa di cura ha perso un totale di circa 25.000 euro in gas ed elettricità. A fine giugno il conto era già di 29mila euro.

Non sa come procedere. È sopravvivenza.

Proprio come nei Paesi Bassi, i prezzi dell’energia stanno esplodendo in Belgio. Nel Residence Malvina vivono 66 anziani. Soffrono di demenza, di Alzheimer o sono portatori di handicap. La casa di cura è un’azienda a conduzione familiare. La famiglia Dobbelaere si rifiuta di trasferire gli alti costi energetici agli abitanti.

‘Buona temperatura: 22 gradi’

“È quasi impossibile ridurre l’energia”, afferma Dobbelaere. “È importante che la temperatura corretta di 22 gradi sia mantenuta in tutta la casa di cura. Le persone anziane di solito si raffreddano prima. Non li costringeremo a indossare maglioni e calzini di lana”.

Dove è possibile risparmiare sui costi è in cucina. Ogni giorno viene cucinato un pasto caldo per tutti i residenti. “L’unica cosa che possiamo fare è essere più intelligenti con la nostra fornitura di cibo e bevande”, spiega il manager. A causa dell’elevata inflazione, i prezzi dei generi alimentari in Belgio sono aumentati di circa il 20-30%. “Quindi dobbiamo cucinare in modo più intelligente, ma non è rimasto molto tempo libero”.

Il caso angosciante della casa di cura Malvina non è passato inosservato. L’Associazione delle case di riposo in Belgio (Femarbel) ha scritto una lettera al primo ministro Alexander de Croo. Il sindacato chiede al governo di offrire sostegno di emergenza alle istituzioni in cui vivono gli anziani vulnerabili, in modo che non vengano lasciati indietro.

READ  ATM, ora prima del prelievo compare questo messaggio: attenzione

15.000 euro al mese

Nel frattempo, il manager Alexander Dobbelaere ha sonno. “I mesi bui e freddi di novembre, dicembre e gennaio non sono ancora arrivati. Conosce già i prezzi dell’elettricità per questi mesi. “Saranno bollette tre volte superiori a quelle attuali: 15.000 euro al mese” Dobbelaere non conosce ancora prezzi del gas, dice. Spera in una clemenza da parte del fornitore di energia, altrimenti potrebbe dover chiudere l’azienda di famiglia dopo 23 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.