Beirut risorge tra proteste e ricerca dei dispersi. Bombe lacrimogene contro i manifestanti

Beirut risorge tra proteste e ricerca dei dispersi. Bombe lacrimogene contro i manifestanti

BEIRUT – Migliaia di cittadini libanesi sono scesi in piazza oggi a Beirut per protestare e commemorare le vittime delle esplosioni che martedì hanno colpito l’area portuale della capitale. “L’idea di una cerimonia funebre di massa non può essere realizzata a causa di problemi logistici, ma ci sarà una grande marcia di protesta contro la classe dirigente”, hanno detto gli organizzatori. “La marcia sarà come un gigantesco funerale e chiediamo a tutti i partecipanti di vestirsi di nero”, ha detto Lina Boubis, uno dei promotori. La polizia ha lanciato gas lacrimogeni contro la folla che cercava di raggiungere il parlamento.

rappresentante

Man mano che la rabbia cresce, una delle principali emittenti del paese, LBC, ha annunciato che non trasmetterà più discorsi politici o dichiarazioni dei leader con la promessa di un’indagine. Il boicottaggio senza precedenti ha significato l’assenza totale venerdì LBC dei discorsi del presidente Michel Aoun, né il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah |. “La capitale Beirut è stata distrutta e stai ancora facendo brutti scherzi?” ha detto il presidente, Pierre Daher. “Non puoi andare avanti così.”

Lo scomparso

Mancano più di 60 persone. Lo ha affermato il ministro della Salute libanese Hamad Hasan citato dal sito di Daily Star. # locatevictimsbeirut è l’account Instagram creato due giorni fa per aiutare a trovare le persone scomparse.

Tra le macerie a Beirut sono stati recuperati i corpi di 25 persone di cui non è stata accertata l’identità. Parlando con il Dpa, la notizia è stata riportata da un funzionario del ministero della Salute libanese. Le esplosioni hanno causato la morte di 154 persone, il ferimento di altre 5mila e 250-300mila sfollati.

Le vittime

Sono 154. Tra loro anche la moglie dell’ambasciatore olandese a Beirut, gravemente ferita nella doppia esplosione. La donna è morta in ospedale. Hedwig Waltmans-Molie aveva 55 anni e quando è rimasta ferita era con suo marito, l’ambasciatore Jan Waltmans, nel soggiorno della loro casa a Beirut. Il suo nome era Alexandra, 3 anni. È forse la vittima più giovane dell’esplosione. Essendo ferita, non poteva farcela. Alexandra Najjar lo scorso ottobre è stata portata a una delle tante manifestazioni antigovernative degli ultimi mesi a Beirut: c’è anche la sua foto, con in mano una minuscola bandiera del Libano, mentre cammina per le strade della città. “Protesta per lei! L’hanno uccisa!”, Scrive un utente di Internet.

Beirut risorge tra proteste e ricerca dei dispersi. Bombe lacrimogene contro i manifestanti

Il proprietario della nave da crociera distrutta ha fatto causa

L’armatore libanese di una nave da crociera affondata nella grande esplosione che martedì ha distrutto il porto di Beirut ha citato in giudizio “tutti i responsabili” del disastro. La notizia è stata data dall’agenzia di stampa libanese, sottolineando che “è la prima denuncia di questo tipo ma potrebbe essere la prima di una lunga serie”.
Due membri dell’equipaggio dell’Orient Queen sono morti nel disastro e altri sette sono rimasti feriti. La nave era in crociera nel Mediterraneo orientale, tra le isole greche e la costa turca.

Il mondo per aiutare

Domani alle 14 si svolgerà la videoconferenza dei donatori per il Libano, co-organizzata da Francia e Onu dopo l’esplosione. Questo è stato indicato dall’Eliseo. Tra i partecipanti, le istituzioni europee e il presidente americano Donald Trump che ha espresso la volontà di partecipare alle donazioni. Il vicepresidente turco, Fuat Oktay, ha detto che Ankara è pronta ad aiutare il Libano a ricostruire il porto di Beirut e inviare aerei ambulanza per evacuare i feriti per le cure negli ospedali turchi. Oktay ha parlato con i giornalisti dopo l’incontro con il presidente libanese Michel Aoun, sottolineando che un gruppo di ricerca turco sta lavorando al porto distrutto dalla massiccia esplosione di martedì. La Turchia ha già inviato due ospedali da campo, 400 tonnellate di grano e cibo, ha detto Oktay, aggiungendo che il suo governo è pronto a utilizzare il porto turco di Mersin per ricevere prodotti che possono essere successivamente inviati in Libano su navi più piccole. .



READ  Juve, Higuain negli Usa: l'accordo con l'Inter Miami è vicino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *